Alla "The 17a Western China International Fair" a Chengdu

Il cioccolato di Modica in Cina

Insieme ad altre imprese siciliane

Il Consorzio del Cioccolato di Modica, unitamente ad altre Imprese siciliane, ha partecipato dal 20 al 24 settembre alla “The 17a Western China International Fair” che si svolge ogni due anni a Chengdu, in Cina, in occasione della missione commerciale XII EU-China BTCF.

Chengdu è una metropoli di oltre 15 milioni di abitanti, capoluogo della provincia della Sichuan, dove risiedono oltre 80 milioni di cinesi. La delegazione, ospitata nello stand della Regione Siciliana, era guidata dall'arch. Alessandro Ferrara e dal dott. Fabrizio La Barbera, dello Studio Lucia di Palermo, specialista in materia di internazionalizzazione, delegati dal Presidente del Consorzio, Salvatore Peluso, e dal Direttore Nino Scivoletto, sotto l'egida di Sicindustria, capitanata, per l'occasione, dall'arch. Giada Platania. La manifestazione ha visto una folta partecipazione di pubblico, proveniente da ogni parte del mondo, per una Fiera tra le più importanti nel cento ovest della Cina.

Il Cioccolato di Modica ha raccolto entusiasti consensi, sia da parte degli innumerevoli visitatori, che da parte degli operatori professionali. In tale occasione, sono stati realizzati in collaborazione con Vinitaly, Enit e il Consolato generale Italiano a Chongqing3 importanti eventi di degustazione del Cioccolato di Modica fornito dalle aziende consortili aderenti alla manifestazione: Peluso, Corallo, Antica dolceria Rizza.Tali eventi si sono svolti presso il Bar Italia, all'interno dell'ampio Padiglione dedicato alla nostra nazione, quest’anno ospite d’onore alla fiera, hanno raccolto una viva e folta partecipazione di pubblico che ha manifestato il sincero gradimento del prodotto modicano, presentato come unico al mondo, dalla tradizione antica e capace di associare effetti benefici al suo proverbiale piacevole gusto granuloso.

Lo specifico mercato a cui è stata proposto il prezioso Cioccolato di Modifica, alla vigilia della registrazione del marchio comunitario IGP ed i positivi riscontri ottenuti generano fiducia ed ottimismo per un veloce e profittevole avvio dell’esportazione di questa preziosa produzione dolciaria ed eccellenza Siciliana in tutta la Cina.