Calcio

Piero Gatto e Robert Pecorari al Modica Calcio

Due colpi al mercato

Il DS del Modica Calcio Ettore Cannella mette a segno altri due colpi di mercato e consegna al tecnico Franco Rappocciolo due pedine che permetteranno all'allenatore dei “Tigrotti” di avere a disposizione un maggiore spessore tecnico e esperienza già dalla prossima settimana quando si comincerà a fare sul serio con la gara di andata del primo turno di Coppa Italia.

Si vestono del rossoblù della Contea, il centrocampista Pietro Gatto e l'esterno d'attacco Robert Pecorari. Per Pietro Gatto (classe 90) si tratta di un ritorno in maglia rossoblù. Il forte centrocampista, infatti, ha indossato la maglia del Modica in Eccellenza nel 2014. In precedenza ha anche vestito le maglie del Palazzolo (serie D e Eccellenza), quella dell'Enna (Eccellenza), dello Sporting Priolo e Belvedere (Promozione) e poi ancora quelle dell' IlvaMaddalena (Eccellenza Sardegna), dell'Avetrana (Eccellenza Puglia). Lo scorso anno a gennaio si è trasferito al Marina di Ragusa con il quale ha vinto il campionato di Promozione e la Coppa Italia. Robert Pecorari, invece, arriva al Modica Calcio dopo l'esperienza dello scorso anno al Frigintini. Questa stagione ha iniziato la preparazione al Caltagirone, ma alla fine ha scelto la Città della Contea.

In passato il classe 86 vittoriese ha militato nel Città di Vittoria, nel Comiso, nel Marina di Ragusa e nel Ragusa. “Abbiamo lavorato a lungo su queste due trattative – spiega il DS Ettore Cannella – ma alla fine siamo riusciti a dare al nostro allenatore due atleti di esperienza e qualità in vista dell'inizio ufficiale della stagione. I due nuovi arrivati ieri hanno giocato a Palazzolo destando una buona impressione. Adesso – conclude il direttore sportivo rossoblù – speriamo di chiudere in settimana per l'attaccante per completare la rosa prima della prima uscita in Coppa Italia.

La squadra che sta nascendo mi sembra un buon mix di giovani e atleti di grande esperienza e credo possa darci belle soddisfazioni, ma come sempre sarà il campo a dare il responso definitivo”.