Benessere

Dieta delle tenerezze o tinniruma: fa bene alla salute

Il menu' di un giorno

La dieta delle tenerezze e’ tipicamente estiva. Protagoniste assolute sono proprio le tenerezze o “tinniruma” in dialetto siciliano. Sono dei germogli tenerissimi, foglie, gambi e tralci delle zucchine lunghe e verdi tipiche dell’Isola.

Il suo consumo e’ vario in quanto si possono mangiare lesse o come condimento per pasta. Ma vediamo cosa prevede il menu’ di un giorno che puo' essere ripetuto due volte a settimana. Colazione con un bicchiere di latte scremato, due fette biscottate integrali e una pesca. Spuntino: uno yogurt magro con pezzi di pesca. Pranzo: pasta con tenerezze, un’insalata mista e tre palline di gelato. Merenda: un bicchiere di frullato con pesca e latte parzialmente scremato. Cena: un’abbondante porzione di tenerezze, un’insalata di pomodoro e due fette di ananas. Nei giorni della dieta vanno assolutamente abolite le bevande alcoliche, gassate e zuccherate.

Come facciamo sempre in tutte le diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di consultare il proprio medico o uno specialista prima di cominciare qualsiasi regime alimentare dietetico. Questa dieta non e’ adatta a chi soffre di diabete, altre patologie e alle donne in gravidanza. Vediamo una ricetta per la pasta con le tenerezze. Ingredienti: tenerumi (6/7 rametti), pomodori freschi, spaghetti spezzati. Preparazione: soffriggere uno spicchio d’aglio in olio extravergine d’oliva insieme a 3 o 4 pomodori tagliati a pezzetti. Fate cuocere a fuoco lento fino a restringere. Selezionate le foglie sane, verdi e vellutate al tatto, lavatele e tagliatele a striscioline.

Cuocete i tinniruma in acqua salata, sufficiente per la vostra minestra, basteranno 10 minuti di cottura.