Sanità

Ragusa, sul Centro Autismo iniziativa della Lorefice e dell Campo

Incontro con Ficarra

Sulle problematiche del Centro Austismo di Ragusa, e soprattutto sulla certezza della sua continuità assistenziale, si registra l’iniziativa convergente e comune delle due parlamentari grilline della provincia di Ragusa, la nazionale Marialucia Lorefice, presidente della commissione Affari sociali, e della regionale Stefania Campo. Su iniziativa della Lorefice si è tenuto nei giorni scorsi un incontro con il Commissario dell’Asp Salvatore Lucio Ficarra, presenti anche il direttore del Dipartimento Salute Mentale dell’azienda, Giuseppe Morando, l’assessore comunale ai servizi sociali Luigi Rabito.

Il nodo della questione, per il Centro per i disturbi dello spettro autistico, ”fiore all’occhiello per la provincia iblea per quanto concerne la struttura e, soprattutto, i medici di Neuropsichiatria” secondo quanto riferisce la Lorefice è che “il servizio nel tempo non è mai stato garantito con continuità ma ad intervalli e questo, come ho più volte sottolineato, è un problema soprattutto quando la continuità dell’assistenza è fondamentale per permettere ai piccoli pazienti di fare dei progressi e non regredire”. A causare tale stato di cose, come dall’Asp stessa evidenziato, è che " il progetto attraverso il quale lavoravano gli operatori a contratto si è concluso e non è stata data alcuna proroga nelle more dell’espletamento del bando che si è, tra l’altro, già chiuso. Prorogare il servizio, secondo l’Asp, avrebbe significato per i lavoratori lavorare senza alcuna retribuzione o garanzia proprio perché il progetto era terminato così come i fondi”.

Pertanto, aggiunge ancora la presidente della commissione parlamentare Affari sociali “mentre i medici in servizio all’interno del Centro ci sono e svolgono come sempre il loro lavoro, gli operatori, che conoscono quei bambini ai quali si sono dedicati per tantissimo tempo e conoscono bene come affrontare le diverse problematiche, sino ad oggi non sono stati stabilizzati ma sono stati con contratti Co.Co.Co. ora scaduti”. A conclusione dell’incontro Marialucia Lorefice ha comunicato che “verrà istituito un tavolo tecnico così come richiesto dall’associazione Pro Diritti H che auspichiamo possa essere aperto almeno alle rappresentanze delle associazioni e dei genitori.

Sino ad ora si è parlato di progetti, adesso è arrivato il momento di parlare di continuità”. E a questo punto è stata la parlamentare regionale cinque stelle Stefania Campo a prendere la palla al balzo per informare che “ci siamo impegnati con un emendamento in finanziaria affinché la percentuale dell’intero bilancio da destinare al Centro Autismo di Ragusa raddoppiasse passando dallo 0,1% allo 0,2%. Questo impegno a fronte del fatto che questo tipo di servizio non può essere interrotto di volta in volta perché è fondamentale una continuità nelle terapie.

Ad oggi il servizio è assicurato per circa 30 pazienti a fronte dei 150 che ne avrebbero bisogno. Le cure devono essere assicurate anche oltre i sei anni. Questi i motivi per cui in finanziaria ci siamo battuti. Pertanto ci aspettiamo che il servizio inizi a funzionare senza interruzioni”.