Polizia di Stato

Tre truffatori scoperti dalla Polizia a Ragusa

Dallo specchietto al digitale

Tre professionisti della truffa sono stati smascherati dalla Polizia di Stato. I primi due, padre e figlio sono stati sorpresi dai poliziotti in servizio di Volante mentre avevano già avvicinato una persona anziana che, alla guida della sua utilitaria era stata costretta a fermarsi per un fantomatico danneggiamento allo specchietto dell’auto dei truffatori.

I due alla vista degli agenti si sono dati a precipitosa fuga. Resisi conto di quanto stava accadendo i poliziotti hanno inseguito l’autovettura riuscendo a bloccarla dopo alcuni chilometri. I due soggetti, padre e figlio, provenienti dalla provincia di Siracusa, con decine di precedenti segnalazioni per truffe operate in molte regioni, sono stati compiutamente identificati ed allontanati dal capoluogo a seguito dell’adozione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per la durata di 3 anni, emesso dal Questore di Ragusa. Altro truffatore seriale, operante questa volta nel mondo digitale, è stato individuato e segnalato all’autorità giudiziaria per aver indebitamente trattenuto del denaro a seguito della vendita on line mai conclusa di diversi beni. L’uomo, residente nella provincia di Salerno, è riuscito a raggirare tre cittadini ragusani i quali, attratti dalla vendita on line di alcuni beni hanno intrattenuto i primi contatti con il venditore procedendo poi alla corresponsione del prezzo di vendita attraverso la ricarica di una carta prepagata. Effettuato il pagamento il malvivente non ha mai inviato la merce proposta in vendita facendosi anche beffa delle vittime.

In un caso l’annuncio prevedeva la vendita di una stufa a pellet, negli altri due veniva messa in vendita una piscina esterna. In totale la somma sottratta alle vittime è stata di circa mille euro.