Scherma

Giorgio Avola convocato ai Campionati del mondo a Wuxi in Cina

Dal 19 al 27 luglio

Dopo le due medaglie conquistate al Campionato Europeo del mese scorso, è arrivata la convocazione per i Campionati del Mondo per Giorgio Avola. La manifestazione iridata si svolgerà nella città di Wuxi, vicino Shanghai, in Cina dal 19 al 27 luglio.

L’intero quartetto di fioretto maschile protagonista nella kermesse europea di Novi Sad sarà chiamato in Cina a difendere i colori azzurri, per cui assieme al portacolori ibleo ci saranno anche Andrea Cassarà, Daniele Garozzo e Alessio Foconi. Tutti gli azzurri essendo nei primi 16 posti del ranking internazionale salteranno i turni preliminari dei primi giorni ed entreranno in gara direttamente nel tabellone di eliminazione diretta a 64 di martedì 24 luglio. Giorgio Avola, forte dell’esperienza del suo settimo mondiale individuale consecutivo, oltre all’ottimo stato di forma evidenziato dal doppio podio agli europei punta decisamente ad una medaglia, e a riscattare la prova individuale dello scorso anno dove fu beffato per una sola stoccata dal giapponese Shikine.

Assegnate le medaglie individuali dal 25 luglio si comincerà con i turni preliminari della gara a squadre, che culmineranno a partire dai quarti di finale giovedì 26. L’Italia del fioretto maschile, numero 2 del ranking internazionale esordirà agli ottavi con l’Australia, ed è chiamata a difendere il titolo vinto a Lipsia un anno fa dall’assalto del team USA, che quest’anno ha dominato tutte le prove di coppa del mondo, e dallo squadrone russo vincitore del titolo europeo. Intanto per preparare al meglio l’appuntamento mondiale, le nazionali di fioretto maschile e femminile al completo sono già dalla fine di giugno in ritiro collegiale pre-mondiale al centro di preparazione olimpica dell’Acquacetosa a Roma.

Nella delegazione italiana che partirà sabato 14 alla volta di Wuxi, convocato anche il maestro Eugenio Migliore, che oltre a Giorgio Avola allena Andrea Cassarà. Il team italiano svolgerà in Cina gli ultimi allenamenti, per un adeguato periodo di ambientamento utile a smaltire le 8 ore di fuso orario tra Cina e Italia.