Solidarietà

Pozzallo invia viveri e medicinali a migranti su nave Acquarius

La nave respinta dai porti italiani

Mentre si cerca una soluzione ottimale per i migranti della nave Acquarius respinta dai porti italiani e ancora in attesa nelle acque al largo di Malta di essere portata nel porto spagnolo di Valencia che ha dato la sua disponibilità ad accoglierla, Pozzallo ha contribuito a dare un pò di sollievo ai 630 migranti a bordo.

Questa notte grazie all'impegno della responsabile dell’hotspot pozzallese Emilia Pluchinotta sotto le direttive della Prefettura di Ragusa ed in collaborazione con la Capitaneria di Porto di Pozzallo si è intervenuti per inviare viveri, medicinali e quanto necessario per i bisogni igienici per alleviare i disagi dei 630 migranti imbarcati sulla nave della ONG S.O.S Mediterranee. A bordo si trovano un centinaio di minori non accompagnati, donne quasi tutte di origine subsahariana. Per arrivare a destinazione, l’imbarcazione partita dal Porto di Pozzallo ha impiegato circa quattro ore.

I migranti adesso dovrebbero essere trasferiti su navi italiane che faranno rotta verso Valencia. Ma c’è anche da dire che nei prossimi giorni si prevedono cattive condizioni meteo marine che renderanno tutto più complicato. E sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna. “Certo la vicenda dei migranti della Acquarius fa male al cuore – ha dichiarato Ammatuna – pensando a quanto altri giorni questi migranti dovranno trascorrere in mare prima di arrivare in Spagna, ma da uomo delle istituzioni mi devo attenere a quanto deciso in ambito nazionale”.