Ambiente

Giornata mondiale dell'ambiente: norme più severe per riciclo rifiuti

La Sicilia ultima in tema di riciclaggio di plastica

Si celebra oggi 5 giugno in India e nel resto del pianeta la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Il tema scelto dall’ONU per quest'anno riguarda l’inquinamento dei mari e degli oceani, messi sempre più a dura prova dalla plastica.

Come ha messo in evidenza l’Unep, l’agenzia ONU per l’Ambiente, ogni anno vengono riversati negli oceani ben 8 milioni di tonnellate di rifiuti plastici e questi non fanno che inquinare e distruggere gli habitat sottomarini. Ogni minuto, nel mondo, vengono acquistate 1 milione di bottiglie di plastica e solo una piccolissima parte viene riciclata. La Commissione Europea ha avanzato una proposta, secondo Federconsumatori assai positiva, di prevedere norme stringenti sul consumo di prodotti monouso in plastica per contrastare questa emergenza. L’obiettivo che le nuove regole è quello di spingere i produttori ad utilizzare materiali idonei, in grado di dissolversi nell’ambiente.

“Auspichiamo che ogni singolo cittadino consumatore accresca la propria consapevolezza in materia di tutela ambientale celebrando questa giornata a partire dai piccoli gesti quotidiani”, commenta Alfio La Rosa presidente di Federconsumatori Sicilia. Oltre alle buone intenzioni, però, ci sono i fatti. E i fatti siciliani, come spesso ha ricordato Federconsumatori, non sono per nulla positivi: secondo l’ultimo rapporto Ispra, in Sicilia la raccolta differenziata è al 15,4% (di 30 punti inferiore alla media nazionale), mentre la percentuale dei rifiuti solidi urbani che va in discariche (prossime alla saturazione) è pari all’80%.

Secondo il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica, la Sicilia occupa l’ultimo posto tra le Regioni italiane raccogliendo 7,7 chili di plastica per abitante contro la media nazionale di 17,7 (38 mila tonnellate recuperate su un milione a livello nazionale).