Benessere

Dieta part-time per dimagrire: lo studio

Ecco come funziona

La dieta ideale è la dieta part-time. Lo sostiene uno studio dell’Università della Tasmania. Secondo i dati della ricerca seguendo la dieta part-time si perde peso e allo stesso tempo si riesce a mantenere un metabolismo sano evitando l’effetto controproducente del ritorno del peso nella fase del mantenimento.

Lo studio condotto su due campioni di persone obese (una a dieta per 16 settimane continue, l’altra a dieta per 4 settimane di fila per poi mangiare normalmente per due e ripetere fino a 16 settimane), aveva già sottolineato che chi faceva una dieta con degli intervalli in cui tornava a una normale alimentazione non aveva problemi metabolici né di riaccumulo del peso perso alla fine della dieta. Oggi invece un nuovo libro, “The Part-Time Diet – Conquering the Weight Loss Plateau“ (La dieta part-time. Superare lo stallo del peso) scritto dal professor Michael White racchiude tutti gli studi sull’effetto yo-yo e di perdita di peso a lungo termine, confermando quello già scoperto dai ricercatori.

Michael White avrebbe infatti notato che il rallentamento del metabolismo avviene in modo netto già dopo le prime quattro settimane di dieta ipocalorica e che se vogliamo evitare di prendere il peso perso, è opportuno fare una pausa dalla dieta. Anche Lyle McDonald, noto fisiologo e chinesiologo sportivo, aveva parlato delle “pause dalla dieta” con il metodo della Full Break Diet. McDonald era arrivato alle stesse conclusioni dei ricercatori universitari e del dottor White: fare 4 settimane di dieta ipocalorica e poi tornare alle calorie di mantenimento per due settimane.

Perché la dieta part-time funzioni, dopo le prime quattro settimane di dieta, occorre farne due mangiando le calorie bastanti a mantenere il nuovo peso. Poi riprendere la dieta per altre 4 settimane, farne 2 di pausa secondo il nuovo fabbisogno calorico e così via. Se il nostro metabolismo prima della dieta era di 2000 calorie e ci siamo messi a dieta per 4 settimane a 1400 o 1500 calorie, dimagrendo 2 chili, il nostro nuovo fabbisogno sarà di 1950 calorie.