Tasse

Bollette idriche a Scicli, istruzioni per l'uso

L'ente interviene per spiegare l'entità delle bollette

Il Comune di Scicli replica alle notizie ritenute infondate di lamentele da parte dei cittadini per l'arrivo di bollette idriche salate. Gli indicatori sono stabiliti da autorità di controllo come l’ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) e quindi non decise autonomamente dall’ente.

In particolare per l’anno 2017, sono state recapitate 8.000 fatture da 0 a 100€; 2.500 fatture da 101 a 200 €; 1.500 fatture da 201 a 300 €; 1.800 fatture da 301 a 500 €; 1.500 fatture da 501 a 1.000 €; 279 fatture oltre 1.000€ (quasi tutte imprese). L’invio della rata unica del servizio idrico 2017 con scadenza 30/04/18, ha una sua motivazione. Nel 2017 non era stato richiesto acconto, perché le letture non erano state completate, quindi da ciò è scaturita la rata unica a saldo. Le tariffe, assicura l'ente, sono identiche a quelle del 2016. Le tariffe adottate coprono l’intero costo del servizio, obbligo per i comuni che si trovano con un piano di riequilibrio finanziario come il Comune di Scicli. Da qualche anno si stanno rendicontando tutti i costi afferenti al servizio nel rispetto delle norme imposte dall’autorità di controllo. In precedenza tutto ciò avveniva con molta approssimazione. Il sistema di depurazione del PARF ha fatto lievitare notevolmente i costi di fognatura e depurazione senza contare del sensibile aumento dei costi dell’energia elettrica.

Per il 2017 è stata fatta una lettura straordinaria di tutti i contatori con foto georeferenziata e quindi con poco rischio di errore sul consumo effettivo. Ciò nonostante il cittadino potrà richiedere in ufficio la verifica della lettura e dei calcoli della bolletta. È possibile richiedere la rateizzazione della bolletta idrica. Basta inoltrare regolare istanza. Dal 2018 gli utenti del settore idrico in condizioni di disagio economico potranno usufruire di uno sconto in bolletta attraverso il Bonus sociale idrico.

All'agevolazione potranno accedere tutti i nuclei familiari con Indicatore di situazione economica equivalente (Isee) inferiore a 8.107,50 euro, limite che sale a 20.000 euro se si hanno più di 3 figli fiscalmente a carico, le condizioni già previste per usufruire del bonus elettrico e gas. Potranno automaticamente usufruire del bonus idrico, anche i titolari di Carta Acquisti o di Carta ReI.