Sindacale

Pozzallo, la CGIL chiede annullamento di due nomine

Si tratta di nomine fatte lo scorso 2 maggio a due dirigenti

La CGIL Funzione Pubblica ha trasmesso al Comune di Pozzallo, oltre che agli organi di controllo contabile e all’autorità nazionale anticorruzione, una nota con la quale è stato chiesto l’annullamento in autotutela dei provvedimenti di nomina a tempo determinato per tre anni di due dirigenti, adottati dal Sindaco lo scorso 2 maggio.

Le principali illegittimità, secondo la cgil, riguardano l’assenza nello statuto comunale della previsione di tali assunzioni, la mancata approvazione nei termini di legge del rendiconto 2017 e la mancata adozione del piano triennale delle azioni positive sulle pari opportunità tra uomini e donne nei luoghi di lavoro, tutte condizioni propedeutiche ed obbligatorie a qualsiasi assunzione.