Polizia di Stato

Modica, danneggia piu' volte auto professionista: denunciato

Individuato ha ammesso

A seguito di alcune querele presentate da un professionista di Modica e relative ai ripetuti danneggiamenti subiti dalla sua autovettura, il locale Commissariato di Polizia di Stato iniziava una serie di accertamenti ed appostamenti finalizzati ad individuare l’autore delle azioni denunciate.

La prima querela veniva formalizzata nel mese di marzo scorso, allorquando ignoti malviventi, mediante un oggetto acuminato, rovinavano parte della carrozzeria della autovettura del professionista. Ma nella denuncia la vittima richiamava altri episodi subiti quali atti vandalici (due casi nel 2017) ed un altro a febbraio 2018 e per i quali il denunciante riteneva che potessero essere legati, nel movente, a vicende connesse alla sua attività professionale. Anche in data 13 marzo del 2018, personale di quest’Ufficio interveniva in via Vittorio Veneto per l’ennesimo episodio di danneggiamento. Dall’analisi dei filmati acquisiti veniva individuato un soggetto, poi riconosciuto dalla vittima, che si avvicinava più volte all’autovettura in questione e, posizionandosi sulla fiancata destra, la rigava con un oggetto acuminato.

L’autore dei danneggiamenti, connotato da “serialità” nell’azione, seguiva la vittima in più occasioni cercando il momento propizio per colpire. L’ultimo episodio è risalente al pomeriggio del 17 maggio scorso, data in cui personale di quest’Ufficio interveniva nuovamente in questa via Vittorio Veneto per segnalazione dell’ennesimo episodio di danneggiamento su autovettura. Dall’analisi dei filmati acquisiti, fatti visionare anche questa volta alla vittima, veniva individuato e riconosciuto nuovamente lo stesso soggetto quale autore dei danni inferti. E’ apparso evidente come l’autore dei danneggiamenti avesse manifestato nel tempo una ossessione a recare danno alla vittima.

Nella pratica il movente di tali azioni sarebbe da ricercare nel contenzioso per la vendita di un immobile in cui il danneggiato in realtà non è direttamente coinvolto ma lo è per ragioni attinenti la sua professione. Il rancore accumulato nel corso degli anni sarebbe poi esploso in atti persecutori ovvero in episodi di pedinamenti e di parecchi danneggiamenti eseguiti dal medesimo sull’ autovettura in uso alla vittima e, in una occasione, anche sul veicolo della sua ex compagna, controparte nella vendita dell’immobile. Gli agenti del Commissariato di Modica, al termine degli accertamenti investigativi, hanno deferito alla Procura della Repubblica di Ragusa l’uomo autore degli atti di vandalismo per il reato di danneggiamento aggravato ed altre fattispecie di reato sono al vaglio degli investigatori. All’uomo non è rimasto che ammettere le proprie responsabilità.