Diocesi

Inizia a Comiso la Festa dell'Addolorata

Una tradizione ultrasecolare

Prendono il via oggi venerdì 18 maggio i solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima Addolorata che possono contare su una tradizione ultrasecolare, ben 108 anni di celebrazioni. A mezzogiorno lo sparo dei fuochi d’artificio e il festoso scampanio della chiesa Madre annunceranno l’avvio dei festeggiamenti.

Dal 18 al 24 maggio, il solenne settenario in preparazione alla festa sarà predicato dal sacerdote Corrado Germano dei frati minori conventuali. Ogni giorno alle 9 ci sarà la celebrazione eucaristica, alle 18,30 la recita del Rosario e la Coroncina del mese di maggio mentre alle 19 sarà celebrata la santa messa a cui seguirà la tradizionale “Sittina”, l’antico e commovente canto dialettale delle sette spade della Vergine, composto nel 1846 dal maestro Messineo. In particolare, oggi il Settenario sarà animato dalla confraternita di Maria Santissima Addolorata e dall’arciconfraternita del Santissimo Sacramento. Sabato, alle 19, la celebrazione eucaristica sarà caratterizzata dal Settenario animato dall’associazione Mater Ekklesia e dai rappresentanti dei club services presenti in città. Alle 20,30, poi, il concerto del coro ed orchestra Cantus Novo, diretto dal maestro Giovanni Giaquinta e organizzato dalla Fidapa – Distretto Sicilia, sezione di Comiso, per la valorizzazione delle tradizioni, dei culti e dei riti religiosi tra fede e folklore.

Domenica, invece, alle 9,30, con lo sparo di salve a cannone e la sfilata dei carretti siciliani (patrocinati dal Comune di Comiso), il corpo bandistico Alfio Pulvirenti allieterà le vie della città accompagnando la raccolta dei doni per la tradizionale cena gastronomica. Alle 10,30 ci sarà l’apertura della fiera del dolce, alle 11 la celebrazione eucaristica mentre alle 12, dalla scalinata della chiesa di San Biagio, i bambini dell’Inno si uniranno al corteo festoso della raccolta dei doni che si concluderà in piazza Fonte Diana. Alle 12,30 la benedizione dei doni offerti per la cena mentre alle 17 lo sparo di salve a cannone e il gioioso scampanio annuncerà l’inizio della cena gastronomica. Alle 18,30 il Rosario e la Coroncina del mese di maggio. Alle 19 la celebrazione eucaristica caratterizzata dal rinnovo delle promesse matrimoniali.