Benessere

Dieta, bere tè freddo brucia calorie e fa dimagrire

Lo studio svizzero

Bere tè freddo durante la dieta aiuta a bruciare più calorie. Lo rivela uno studio dell’Università di Friburgo. Secondo i ricercatori il tè freddo avrebbe la capacità di far bruciare più calorie all’organismo rispetto alla bevanda calda.

Durante la ricerca sono stati analizzate le proprietà del tè di Yerba Mate, varietà molto diffusa in Sud America e ricca di caffeina. I partecipanti hanno bevuto 500 millilitri della bevanda non zuccherata sia a una temperatura di 3 gradi sia a 55 gradi. I medici hanno valutato una serie di parametri nei 90 minuti successivi, fra cui la frequenza cardiaca, il consumo di ossigeno e l’ossidazione dei grassi. È emerso che la spesa energetica dell’organismo è due volte superiore se si ingerisce tè freddo (8,3% contro 3,7%). Inoltre, il tè freddo stimola l’ossidazione dei grassi e riduce il carico metabolico del cuore.

Il tè è una bevanda consistente in un infuso o decotto ricavato dalle foglie (a volte miscelate con spezie, erbe o essenze) di una pianta legnosa, Camellia sinensis che viene coltivata principalmente in Bangladesh, Pakistan, Cina, India, Indonesia, Sri Lanka, Giappone e Kenya. L'uso e i cerimoniali del tè sono associati a differenti tradizioni dell'Estremo Oriente. Altro Paese noto per il consumo del tè è il Regno Unito, che ne ha fatto quasi un simbolo nazionale. Il tè può avere una ampia gamma di aromi: floreale, fruttato, dolce, erbaceo oppure un sapore volutamente amaro ed astringente ed è la bevanda più diffusa nel mondo dopo l'acqua.

A partire dagli anni ottanta del XX secolo si è diffuso l'utilizzo del "tè freddo", ossia un prodotto per lo più industriale ottenuto dall'infusione del tè e imbottigliato, servito dopo essere stato in frigorifero come bevanda rinfrescante: le tipologie più diffuse sono il tè al limone e il tè alla pesca.