Amministrative

Elezioni Ragusa, Cassì e Iacono: si profila un accordo?

Per ora solo scambio di missive

E’ per ora solo uno scambio di missive, con toni cordiali ed eleganti politicamente, in un periodo di ‘brutta’ politica. E non poteva essere diversamente, vista la levatura dei due protagonisti, Peppe Cassì candidato sindaco in piena corso e Giovanni Iacono la cui possibile, anzi probabile candidatura, non c’è stata per il suo passo indietro.

Il team di Cassì, parlando di “costruzione di una nuova idea di città sempre più coinvolgente” e dopo aver registrato “la recente adesione del Movimento Civico Ibleo” aveva poi scritto “anche altri gruppi civici da tempo presenti nelle istituzioni cittadine e nell’impegno civico hanno manifestato interesse e sostegno al candidato. Auspichiamo adesso con sempre maggiore convinzione di riuscire a perfezionare le ultime alleanze sul piano politico, nel nome di un impegno e di un progetto civico che vuole essere esemplare. In tale ottica riscontriamo affinità con il lavoro svolto in questi anni dal movimento “Partecipiamo” di Giovanni Iacono, per la coerenza e l'interesse oggettivo delle proprie battaglie.

Proveremo quindi ad aprire un dialogo, consapevoli che attingere ad esperienze di tale solidità e trasparenza può essere altamente costruttivo per un progetto che mira a disegnare un futuro concretamente realizzabile per la nostra città”. Immediata la risposta del direttivo di Partecipiamo che ribadisce “di non aver condiviso la scelta di rinunciare alla candidatura di Giovanni Iacono ma, ancora una volta, ne comprendiamo la coerenza rispetto ad un obiettivo generale di unità prevalente sulle spinte particolaristiche ed individualiste” e conferma che “il candidato proposto da Partecipiamo che riteniamo abbia, più di chiunque altro, ‘titoli’ sul campo per ricoprire la carica di Sindaco ha rinunciato alla sua candidatura per evitare, stante una legge elettorale vergognosa, che l’ulteriore frammentazione finisse con il favorire partiti e personaggi che in condizioni di normalità razionale, etica e civile non sarebbero nemmeno lontanamente ipotizzabili come candidati”.

Il direttivo di Partecipiamo poi ricorda come “nel mese di novembre 2017 avevamo pubblicato il ‘Manifesto per il civismo’ come avvio di un percorso condiviso per le amministrative a Ragusa. A febbraio 2018 avevamo rilanciato l’appello a tutte le ‘auto-candidature e ai tanti ‘istinti’ individuali per riportarli ad un progetto comune civico, ampio, condiviso, programmatico-amministrativo che arrivasse ad esprimere la migliore ‘squadra’ di governo ed il candidato Sindaco. Appelli andati a vuoto”. Tornando all’attuale campagna elettorale, l’associazione afferma di “aver apprezzato molto il comunicato diramato dal candidato Sindaco Peppe Cassì, l’unico candidato, espressione della società civile, che ha pubblicamente dato riscontro all’appello, al manifesto civico e all’attività di Partecipiamo ritenendo ciò “un buon segno, nella direzione del dialogo e di percorsi, non esclusivi, ma di confronto serio sulle tante problematiche che coinvolgono la qualità della vita di ogni cittadino della nostra comunità.

Un segno che va nella direzione da noi auspicata in tutti questi mesi e resa pubblica con i nostri continui comunicati e, pertanto, accogliamo l’invito al confronto, pur in tempi oramai strettissimi, di Peppe Cassì e dei movimenti che lo sostengono”. Partecipiamo conclude “auspicando un confronto ancora più ampio e condiviso” riportando i punti salienti del suo Manifesto per il civismo. A questo punto sarà certamente interessante osservare le presenza all’inaugurazione del comitato elettorale di Peppe Cassì che si terrà sabato prossimo 28 aprile alle 18, in via Cristoforo Colombo 71 (dietro p.zza Libertà, all’inizio della Via F. Pennavaria). (da.di.)