Appuntamenti

La musica italiana protagonista al Garibaldi di Modica

Un repertorio tutto made in Italy, dal Barocco al Pop, quello in programma per il concerto del 25 aprile della Fondazione Teatro Garibaldi

0

0

0

0

0

La musica italiana protagonista al Garibaldi di Modica La musica italiana protagonista al Garibaldi di Modica

Una passeggiata musicale tutta italiana, dal Barocco al Pop, in compagnia degli eccellenti maestri dell’Italian Ensemble, professori d'Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, in programma al Teatro Garibaldi di Modica mercoledì 25 aprile alle ore 19.00.

Il concerto offrirà un crescendo musicale interessante, frutto di una emozionante selezione di alcune delle più intense musiche di grandi compositori, come Morricone, Rota, Modugno, Vivaldi e tanti altri. Il programma, nello specifico, prevede: “Otto e mezzo” di N. Rota; “Playing Love” di E. Morricone; “Nel blu dipinto di blues” di D. Modugno; “Giardini di Marzo” di L. Battisti; “Czarda” di V. Monti; “Estate: Presto” di A. Vivaldi. Ed ancora, “La vita è bella” di N. Piovani; “Vieni via con me” di A. Murania e P. Conte; “Figaro qua, Figaro la!” di G. Rossini; “Paganini in the world” di A. Murania; “Angelo che volando osserva gli umani” e “Ghiacciai” di D. Forturello. Ma non mancheranno anche tante sorprese regalate dal maestro Forturello al pianoforte e dei maestri Alessio Nicosia al violino, Salvatore Domina al violino, Luigi De Giorgi alla viola, Vadim Pavlov al violoncello, Davide Galaverna al contrabbasso e fisarmonica, Adriano Murania al violino, chitarra e mandolino.

 

0

0

0

0

0

Musica
Concerto
Garibaldi
Italian
Ensemble
Commenti
La musica italiana protagonista al Garibaldi di Modica
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa, Antica Ibla presenta due iniziative
News Successiva
Moto storiche nel Barocco Ibleo: il 2 e 3 giugno