Salute

Morbillo, 4 casi tra Modica e Ragusa

Asp Ragusa avvia piano vaccinazione

Sono ricoverati nei reparti di malattie infettive degli ospedali di Modica e Ragusa i quattro pazienti affetti da morbillo poi degenerato in polmonite. Le loro condizioni di salute non destano preoccupazione.

Intanto la direzione Strategica dell’Azienda Sanitaria di Ragusa a seguito della direttiva dell’Assessorato regionale alla Salute del 12 aprile 2018 “Disposizioni Operative – Emergenza Morbillo” ha attivato il Dipartimento Medico di Prevenzione – Servizio di Epidemiologia e Profilassi da cui dipendono gli ambulatori vaccinali – per l’elaborazione di un Piano Attuativo Aziendale per far fronte all’emergenza morbillo. Il morbillo è una malattia infettiva esantematica altamente contagiosa causata da un virus, il Paramyxovirus del genere Morbillivirus.

Il morbillo provoca principalmente un’eruzione cutanea simile a quelle della rosolia o della scarlattina, che il più delle volte si risolve spontaneamente ma che può, in casi relativamente rari, portare alla morte, perdita della vista, perdita dell'udito, danni cerebrali permanenti. I segni e sintomi iniziali di solito includono febbre, spesso superiore a 40 °C, tosse, naso che cola e occhi rossi. Due o tre giorni dopo l'inizio dei sintomi, piccole macchie bianche possono formarsi all'interno della bocca, note come macchie di Köplik. Un rash cutaneo rosso e che di solito inizia sul viso e poi si diffonde al resto del corpo, esordisce tipicamente da tre a cinque giorni dopo l'inizio dei sintomi.

I sintomi si sviluppano solitamente in 10-12 giorni dopo l'esposizione ad una persona infetta e si protraggono per 7-10 giorni. Le complicanze si verificano in circa il 30% dei casi, nei bambini inferiori a 5 anni di vita, e possono includere, tra le altre, diarrea (8%), otite (7%), polmonite (6%), encefalite (0,1%). La malattia è responsabile di un numero di morti che va dalle 30 alle 100 ogni 100.000 persone infette e, solitamente, per superinfezioni batteriche. La rosolia (morbillo tedesco) e il morbillo sono malattie diverse.