Mafia

Maria Falcone ad Avola per ricordare la strage di Capaci

Al cine teatro Odeon

“Oggi con Maria Falcone per affermare la cultura della legalità e il rispetto delle regole come elementi base della società civile e della convivenza pacifica e rispettosa”. Il sindaco Luca Cannata commenta così l'incontro che si è tenuto ieri mattina al cine teatro Odeon di Avola.

Un'incontro per ricordare la strage di Capaci del 23 maggio 1992, quando persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta. “Storie di ordinaria legalità. Parole, pensieri, arte, sport e testimonianze per la cultura della legalità” l'evento moderato dalla coordinatrice di Libera Siracusa, Lauretta Rinauro con l'intervento di Maria Falcone, sorella di Giovanni e presidente della Fondazione Falcone. “Le tante forme di furberie quotidiane considerate di minore gravità sono sostanzialmente una forma di decadimento della legalità che invece dobbiamo recuperare se si vuole migliorare in mondo il cui viviamo – ha sottolineato Cannata – e partendo dalla formazione dei più giovani è possibile un cambiamento di rotta”.

Al termine della giornata cui hanno partecipato anche gli istituti scolastici Majorana, De Amicis, Bianca e Capuana, infatti, si è svolta la premiazione della prima edizione del concorso “Storie di Ordinaria legalità”.