Curiosità

Salute

Colore degli occhi blu: origine da antenato europeo

Lo studio dell'Università di Copenhagen

0

0

0

0

0

Colore degli occhi blu: origine da antenato europeo Colore degli occhi blu: origine da antenato europeo

Le persone con gli occhi azzurri hanno un antenato europeo in comune che visse 6.000 anni fa. La causa esatta deve ancora essere determinata, ma gli scienziati sanno che il colore degli occhi ha iniziato a cambiare molto prima dell'inizio della storia registrata.

La mutazione è stata trovata su un gene completamente diverso chiamato HERC2. HERC2 disattiverebbe l'OCA2, spegnendo il marrone e lasciando emergere il blu. Ogni persona con gli occhi azzurri ha esattamente la stessa mutazione. Gli scienziati dell'Università di Copenhagen che hanno condotto o studio ritengono che la mutazione sia avvenuta quando gli umani sono emigrati dall'Africa all'Europa. Alcuni anni fa un gruppo di ricercatori dell’Università di Orebro, in Svezia, ha condotto uno studio in venivano confrontato gli occhi di 428 soggetti con le caratteristiche della loro personalità per comprendere se tra struttura degli occhi, colore dell’iride e carattere vi fossero delle corrispondenze.

Gli scienziati svedesi ritengono che possano esistere davvero delle corrispondenze tra colore degli occhi e personalità perché i geni responsabili dello sviluppo dell’iride giocano anche un ruolo importante nel formare una parte del lobo frontale del cervello, che influenza proprio la nostra personalità. A loro parere queste informazioni potranno essere utili in futuro nella psicanalisi. Dai loro risultati è emerso che accanto a caratteristiche diverse dell’iride si sviluppano tratti della personalità differenti. Si tratta del parere espresso da Matt Larsson, scienziato comportamentale che ha condotto lo studio svedese su occhi e personalità. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Biological Psychology. 

 

0

0

0

0

0

Occhi
Azzurri
Antenato
Europeo
Salute
Commenti
Colore degli occhi blu: origine da antenato europeo
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Il deserto del Sahara è cresciuto del 10% in un secolo
News Successiva
Nuovo passo avanti verso il turismo spaziale