Sociale

Pozzallo, la Palma della Pace a padre Zanotelli

Si è parlato della povertà in Ecuador

Nel corso di una toccante cerimonia, è stata consegnata al Missionario comboniano padre Alex Zanotelli la “Palma della Pace – Giorgio La Pira” 2018.

La cerimonia si è svolta a Pozzallo alla presenza del Vescovo di Noto S.E. Antonio Stagliano, il Sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna, il Parroco di Santa Maria di Portosalvo Michele Iacono, il Rettore della Confraternita e la Professoressa Grazia Dormiente sia in rappresentanza della Associazione «Giorgio La Pira- Spes contra spem» che nella qualità di Direttore Culturale del Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica. Toccante la motivazione affidata proprio alla Professoressa Grazia Dormiente: ”Ispirato interprete del messaggio evangelico, dà voce e volto ai poveri, traditi dall’imperante potere del denaro; illuminato precursore della civiltà della tenerezza da opporre alla violenza devastatrice della dignità della persona nei tanti Sud del mondo; audace promotore di movimenti a respiro ecumenico per restituire ai dimenticati e silenti popoli, assetati di giustizia sociale, il diritto alla vita e alla speranza.

La sua spiritualità missionaria, linfa vitale della sua esemplare testimonianza cristiana, l’ha destinato agli appelli per il rispetto dei diritti umani e alle denunce sui temi del commercio delle armi, dello sfruttamento per scopi economici e delle migrazioni”. Alla fine della cerimonia Grazia Dormiente ha consegnato ad Alex Zanotelli una confezione di cioccolato di Modica con incarto dedicato alla 17ma edizione della “Palma della Pace - Giorgio La Pira”. Copia di tale incarto arricchirà la sezione ideata dal Direttore CTCM Nino Scivoletto “Incarti speciali” del Museo del Cioccolato di Modica.

A margine della cerimonia Grazia Dormiente ed Alex Zanotelli si sono soffermati sulla condizione di povertà della popolazione dell’Ecuador con particolare riferimento a quella dedita alla raccolta delle fave di cacao. Il Consorzio ha già avviato con il governo dell’Ecuador ed in particolare con il Sindaco di Babahoio una serie di contatti per debellare lo sfruttamento minorile nella lavorazione del cacao destinato al mercato del cioccolato di Modica.