Benessere

Allergia e rinite allergica: pesce riduce rischio

Lo studio dell'Università di Gotemberg

Il consumo di pesce può ridurre la probabilità di allergie e rinite allergica. Lo rivela uno studio dell’Università di Goteborg . La ricerca guidata dalla dottoressa Emma Goksör che ha coinvolto un campione di 8mila bambini è stata pubblicata su Pediatric Allergy and Immunology.

I bambini sono stati tenuti sotto osservazione attraverso una serie di colloqui con i loro genitori in diversi momenti della loro crescita. I dati ottenuti rivelano che il 22% dei bambini, all’età di 12 anni, soffre di rinite. Tuttavia, fra chi aveva mangiato pesce almeno una volta al mese nel primo anno di vita, la percentuale si riduceva. “Molti genitori ritardano l’introduzione del pesce nella dieta dei bambini per evitare il rifiuto di un alimento che ha molti vantaggi, ma così facendo sbagliano”, spiega la ricercatrice. “I grassi che assumiamo determinano la qualità della risposta immunitaria agli allergeni, e gli acidi grassi del pesce agiscono in maniera positiva”.

Un altro studio sostiene i benefici del pesce contro le allergie. Ed è quello condotto dall’Università di Stocolma. La ricerca ha esaminato l'effetto di pesci come il salmone, ricchi di Omega 3, sullo sviluppo di un campione costituito da oltre 4 mila bambini. I ricercatori hanno seguito i bambini dalla nascita fino agli 8 anni, scoprendo che a un maggior consumo di pesce corrispondeva un minor pericolo di sviluppare allergie.