Carabinieri

Furti in appartamento a Marina di Ragusa: recuperata refurtiva

Fermato un tunisino

I carabinieri della Compagnia di Ragusa, la notte scorsa, nell’ambito dell’operazione “case sicure” hanno effettuato diversi controlli al fine di prevenire i reati di natura predatoria.

Durante il servizio notturno di perlustrazione, infatti, i militari, transitando nei pressi di alcune villette, procedevano a controllare veicoli e furgoni. Fermata un’autovettura sospetta si appurava che all’interno vi erano diversi oggetti tra i quali: un frigorifero marca LG modello GR642TVPX di colore bianco; due lavelli in acciaio inox a un pozzetto; un lavello in acciaio inox a due pozzetti; una cucina a gas a quattro fuochi marca INDESIT; un televisore 21 pollici marca TOSHIBA nr. D11WZY22648L1; una ruota ciclomotore con gomma misura 130/90-10; una ruota ciclomotore con gomma misura 140/90-10; una macchina completa passa pomodoro; una pentola media con coperchio; una pentola grande con coperchio; un forno microonde marca IRRADIO di colore bianco; un motore di ciclomotore.

L’occupante della macchina, un tunisino di 42 anni, si stava dirigendo insieme ad un connazionale a Palermo da dove si sarebbero imbarcati per raggiungere Tunisi, tuttavia sono stati bloccati con la refurtiva di furti avvenuti presumibilmente sulla fascia costiera, tra i Comuni di Marina di Ragusa, Santa Croce Camerina e le località di Punta Secca e Punta Braccetto. I Carabinieri indagano per capire se gli stranieri, denunciati per ricettazione, siano tra gli autori dei numerosi furti in abitazione registrati sulla fascia costiera negli ultimi giorni. La merce è stata sequestrata e trattenuta presso gli Uffici dell’Arma in attesa di riconoscimento e restituzione ai legittimi proprietari.

I Carabinieri invitano i cittadini che hanno subito un furto a provare a riconoscere oggetti di loro proprietà così da collaborare per capire da dove la refurtiva sia stata asportata. I controlli nelle aree del territorio normalmente meno abitate nel periodo invernale proseguiranno ogni notte, così come disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Ragusa in un specifico piano di presidio del territorio, che contempla l’impiego massivo di pattuglie con i colori di istituto e di personale in abiti civili.