Economia

Ragusa, imprese agroalimentari e circuiti internazionali

Iniziativa di Confcooperative Sicilia e Ice Agenzia

Confcooperative Sicilia e Agenzia Ice hanno scelto Ragusa per un appuntamento di notevole prestigio che ha calamitato l’attenzione di oltre 50 piccole e medie imprese provenienti da tutta l’isola.

L’iniziativa, che rientra nel Piano Export Sud 2 finanziata con i fondi Ponic 2014-2020, è stata un successo soprattutto per quanto concerne le ricadute concrete. “Stiamo parlando – sottolinea Gaetano Mancini, presidente di Confcooperative Sicilia – di una iniziativa che si inserisce nel solco delle attività avviate per aiutare le nostre associate a posizionarsi nei mercati più complessi. Noi crediamo che il prodotto debba viaggiare, e abbiamo bisogno di portare questi prodotti laddove il consumatore è più disponibile a pagarli e a valorizzarli. L’iniziativa in partnership con Ice Agenzia ci è servita appunto a cogliere questa opportunità.

All’iniziativa, che ha visto l’intervento di Aurelien Van Berten, fondatore del gruppo Wabel, era presente anche Antonello Ciambriello, responsabile dell’ufficio per le politiche di internazionalizzazione e mercati di Confcooperative nazionale. “Facciamo in modo, con appuntamenti del genere – spiega quest’ultimo – che le imprese conoscano la migliore strategia di internazionalizzazione. E noi stiamo al loro fianco per esportare il Made in Sicily in tutto il mondo”. Per il presidente provinciale Confcooperative Ragusa, Gianni Gulino, con l’appuntamento di ieri si è puntato ad assecondare “la voglia di crescita del nostro territorio, un territorio che cerca nuovi mercati e a cui si vogliono fornire tutti gli strumenti necessari per far sì che queste aspettative possano trovare adeguata soddisfazione". Giuliana Lisi dell’ufficio servizi formativi dell’Ice Agenzia ha sottolineato che "sono molte le imprese siciliane che hanno i requisiti di qualità e di produttività per potere accedere ai grossi circuiti internazionali”.

Nuccia Alboni, responsabile marketing de “La Signora Melanzana”, società cooperativa con sede a Scoglitti che opera già sui mercati internazionali, spiega: “Grazie all’interessante iniziativa di ieri abbiamo approfondito quali le più adeguate strategie da mettere in campo. Con la Gdo, esportiamo già melanzane, pomodorini e peperoni selezionati in Italia e all’estero. Ma riteniamo che non si finisca mai di imparare”. Parla anche Franco D’Angelo, componente del cda di AgrologicaBio con sede a Chiaramonte Gulfi.

“Il nostro – spiega – è un prodotto di nicchia che portiamo già nei mercati di vari Paesi d’Europa. Ma cerchiamo di comprendere quali le caratteristiche migliori per rafforzare la nostra presenza a livello internazionale. E l’appuntamento di ieri è stato senz’altro illuminante in questo senso”.