Enti Locali

Terremoti: protocollo tra Consorzio comunale Ragusa e Ingv

Prevista la condivisione di attrezzature per lo studio di geofisica

Protocollo d’intesa tra il Libero Consorzio Comunale di Ragusa e il Centro Nazionale Terremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia concernente la condivisione di infrastrutture e strumenti per finalità tecnico-scientifiche inerenti lo studio multidisciplinare dei fenomeni geosismici e ambientali ricadenti nell’area della provincia di Ragusa.

Il protocollo prevede l’avvio di una collaborazione tra i due Enti che si svilupperà attraverso una serie di obiettivi specifici, tra i quali un aggiornamento programmato delle stazioni di rilevamento della Rete Sismometrica Provinciale e della Rete di Rilevamento Emissioni Gas Radon a carico del Centro Nazionale Terremoti, nonché la realizzazione congiunta di progetti di ricerca di comune interesse le cui risorse economiche saranno reperite attraverso la partecipazione a bandi regionali, nazionali e internazionali. L’ex Provincia di Ragusa sin dal 2000 ha proceduto a mettere in servizio la Rete Sismometrica Provinciale, attualmente composta da cinque stazioni sismiche installate nei comuni di Ragusa, Santa Croce Camerina, Giarratana, Ispica ed Acate ed ognuna costituita da attrezzature digitali collegate telematicamente al Centro Elaborazione Dati che fa capo al Settore Ambiente e Geologia del Libero Consorzio Comunale di Ragusa.

La dotazione strumentale della Rete Sismometrica Provinciale è stata successivamente ampliata con l’acquisto di ulteriori quattro stazioni sismiche mobili per ottenere una grande flessibilità di gestione nello studio e nel monitoraggio di particolari aree di interesse.