Cultura

Arte

Comiso, il Castello aragonese apre per Brancato

Dal 23 dicembre

0

0

0

0

0

Comiso, il Castello aragonese apre per Brancato Comiso, il Castello aragonese apre per Brancato

I saloni del Castello Aragonese di Comiso si aprono per la prima volta al pubblico per ospitare la mostra dell'artista comisano Biagio Brancato.

Dal 23 dicembre al 21 gennaio la mostra vuole essere un tributo non solo al pittore kasmeneo, preside per tanti anni del glorioso istituto statale d’arte di Comiso, ma all’istituto stesso oggi liceo artistico Salvatore Fiume, a chi lo ha frequentato o anche solo a chi si è formato artisticamente da autodidatta. “Maestranze", un titolo simbolico che rappresenta la scuola Comisana, dal Classico alla Règia Scuola d´Arte, da Gesualdo Bufalino a Nunzio Lauretta, da Salvatore Fiume a Piero Guccione. Titolo che semplicemente aggiunge pregio e valore a tutti gli artisti espositori che a queste Maestranze hanno fatto attingere i loro personali talenti. Un percorso che racconta un territorio, ciò che lo ha plasmato, le influenze ricevute e quelle donate. La mostra è patrocinata dal Comune di Comiso

 

0

0

0

0

0

Mostra
Brancato
Maestranze
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Comiso, il Castello aragonese apre per Brancato
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
A Vittoria Il mare che si muove di Sarnari
News Successiva
Modica, Dal Sacro al Profano di Roberto Cesareo