Curiosità

Salute

Embrione: scoperto lo starter

0

0

0

0

0

Embrione: scoperto lo starter
Embrione: scoperto lo starter

Una famiglia di proteine chiamata Dux

da vita al processo di sviluppo degli embrioni. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Nature Genetics ed è stata condotta nel Politecnico di Losanna da Julien Duc e Didier Trono.

La ricerca ha permesso di risolvere un vecchio enigma ovvero ha fatto luce

su ciò che attiva il programma genetico che ci fa diventare ciò che siamo. La scoperta, secondo i ricercatori, può anche aiutare a comprendere alcuni casi di infertilità e forse portare allo sviluppo di nuovi trattamenti per alcune distrofie muscolari. Il punto di partenza è stata una ricerca sulla distrofia muscolare, nella quale era stato osservato che nelle cellule si accumulava una proteina della famiglia Dux, chiamata Dux4, fino a quel momento nota per essere coinvolta nelle fasi inziiali dello sviluppo embrionale. A questa osservazione si è aggiunta quella che, ancora nelle cellule dei muscoli, è attivo un intero gruppo di geni attivi a all'inizio dello sviluppo embrionale, quando subito dopo la fecondazione ovicita e spermatozoo si fondono formando la struttura chiamata zigote.

E' stato proprio questo a far pensare che le proteine Dux

potrebbero essere cruciali nello sviluppo dell'embrione. La conferma è arrivata dagli esperimenti condotti condotti sugli embrioni di topo ai primissimi stadi dello sviluppo, dai quali il gene che produce le proteine Dux era stato eliminato utilizzando la tecnica che riscrive il Dna con un taglia-incolla, chiamata Crispr. Privato delle proteine Dux, l'embrione ha smesso di crescere.  

0

0

0

0

0

Embrione
Proteine
Dux
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Embrione: scoperto lo starter
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Stelle cadenti a maggio: figlie della cometa Halley
News Successiva
Il rosmarino rafforza la memoria nei bambini