Salute

Allergie in crescita: uno tsunami mondiale

Oggi a Roma il Congresso annuale della Wao

Sono circa 400 milioni le persone al mondo che soffrono di rinite allergica e 300 milioni di asma. Dal 2010 si è registrata una esplosione delle allergie alimentari e secondo alcuni ricercatori se prima erano attorno al 2-3% ora hanno raggiunto il 10% in Australia e l'8% in Gran Bretagna.

La rinite colpisce oltre il 30% dei ragazzi anche in Italia e complessivamente tutte le allergie sono raddoppiate dal 1980 al 2000. In Europa si stima che tra 11 e 26 milioni di persone soffrano di allergie alimentari, una fonte di preoccupazione soprattutto tra i più piccoli: almeno 1 bambino su 20, infatti, è allergico a uno o più alimenti. In Italia, la prevalenza della dermatite atopica, della rinite allergica e dell'asma tra i bambini di 6 - 12 anni è rispettivamente del 7%, 14,5% e 9%. Ciò significa 490.000 bambini tra 0 e 14 anni con eczema, un milione con rinite e 630.000 con asma, spiega Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Oggi, Fiocchi presiederà a Roma i lavori del Congresso annuale della WAO, l'Organizzazione Mondiale delle Allergie, al quale parteciperanno oltre 500 medici e ricercatori provenienti da 50 Paesi del mondo. Gli esperti sono al lavoro per riscrivere il percorso di cura ma anche di prevenzione. Ad esempio, anticipare o ritardare l'introduzione di determinati alimenti sembra possa avere un qualche effetto.