Tecnologie

Un video per craccare cellulari e tablet

0

0

0

0

0

Un video per craccare cellulari e tablet Un video per craccare cellulari e tablet

Il Pattern Lock ovvero il sistema alla base della sicurezza di circa il 40% dei telefoni cellulari e tablet Android può essere violato. La notizia è stata data durante un convegno sulla sicurezza dei sistemi informatici organizzato negli Stati Uniti, da esperti delle Northwest University e delle università britanniche di Bath e Lancaster.

Secondo i ricercatori il sistema può essere violato se qualcuno, anche da lontano, ci sta filmando. Uno dei modi più comuni per difendere cellulari e tablet da eventuali violazioni è inserire una sequenza di blocco personalizzata. Per bypassarla, sottolineano i ricercatori, al malintenzionato è sufficiente filmare la vittima mentre sta componendo il Pin anche da lontano, perché da vicino potrebbe essere notato. Una distanza di due metri e mezzo è sufficiente, ma si può arrivare ad un massimo di nove metri con una buona fotocamera.

Poi, al video viene applicato uno specifico software di elaborazione delle immagini in grado di ricostruire il movimento delle dita e di fornire quindi una serie di sequenze di sblocco. Gli ingegneri assicurano che non è necessario avere un video ad alta risoluzione, è sufficiente anche un video girato con cellulare. Il sistema messo a punto dai ricercatori è stato sperimentato su un campione di 120 sequenze differenti create da diversi utenti e il sistema è riuscito a 'craccarne' il 95% all'interno dei cinque tentativi concessi da Android prima di bloccare il dispositivo.

Le sequenze più complesse, osservano i ricercatori, sono anche le più facili da "craccare", perchè forniscono al sistema un maggior numero movimenti e quindi di informazioni che lo aiutano a limitare le possibili combinazioni di sblocco.  

0

0

0

0

0

Craccare
Telefonini
Tablet
Commenti
Un video per craccare cellulari e tablet
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Parigi, minibus elettrici senza pilota
News Successiva
Sindrome da morte in culla: calzini intelligenti