Tumori: eliminare grassi per bloccare metastasi

I grassi alimentano le metastasi tumorali. Lo sostiene uno studio spagnolo pubblicato dalla rivista Nature, secondo cui potrebbe essere possibile fermare l'avanzata del tumore bloccando il recettore dei grassi su queste cellule.

I ricercatori del Barcelona Institute of Science and Technology hanno scoperto studiando alcuni tumori orali umani che alcune cellule hanno alti livelli di una proteina chiamata CD36, coinvolta nel metabolismo dei grassi. La ricerca si è basata su una serie di test specifici sui topi che hanno permesso di verificare che sono proprio le cellule a dar vita alle metastasi ad avere alti livelli del recettore, e bloccandolo con degli anticorpi la loro attività si blocca, mentre non varia quella del tumore primario, un fenomeno osservato anche per i tumori di seno, vescica e polmoni. In un altro esperimento si è visto che topi con tumore a cui è stata data una dieta ricca di grassi hanno sviluppato metastasi più grandi, una scoperta che si sta cercando di replicare con uno studio su 1000 pazienti umani.

"Nei topi inoculati con cellule tumorali umane sembra esserci un legame diretto tra l'apporto di grassi e il potenziale metastatico - spiega Salvador Aznar Benitah, l'autore principale -. Servono più studi per verificare se la relazione esiste anche nell'uomo. I grassi sono necessari per le funzioni del corpo, ma una assunzione incontrollata può avere effetti sulla salute, come già visto per tumori come quello del colon e per le metastasi, come mostrato in questo caso".  "Ci aspettiamo che questo studio per avere un grande impatto sulla comunità scientifica –spiega Aznar Benitah - e per ulteriori progressi nel campo della ricerca di metastasi, e speriamo di essere in grado di convalidare il potenziale di CD36 come un trattamento anti-metastasi.

Cose come questa non capitano tutti i giorni. " Lo studio dimostra l'effetto anti-metastatica di bloccare la proteina CD36, sia in topi immunodepressi e in topi con sistema immunitario intatto. I dati sono stati simili per tutti i test. L'inibizione della CD36 quando gli animali sono stati inoculati con le cellule tumorali eliminato completamente il loro potenziale metastatico. Inoltre, la somministrazione di anticorpi CD36-blocking a topi con metastasi già esistenti ha portato alla rimozione totale delle metastasi nel 20% degli animali, mentre per gli altri ha portato una riduzione drammatica del 80-90% del numero di metastasi foci e le loro dimensioni.

IRB Barcellona ha presentato domanda di protezione IP dei risultati, ei ricercatori stanno lavorando con MRC tecnologia nel Regno Unito per co-sviluppare nuove terapie a base di anticorpi contro CD36 che sono adatti per il trattamento di pazienti in una vasta gamma di tumori. Se lo sviluppo del romanzo terapeutica ha avuto successo, un nuovo prodotto potrebbe essere disponibile in 5-10 anni. Questo lavoro è stato sostenuto dalla Fundació La Marató de TV3, due borse di studio del progetto del World Wide Cancer Research del Regno Unito, e Fundación Botín e Banco Santander, Santander attraverso Universidades. Inoltre, il laboratorio è sostenuto da un finanziamento della Consiglio europeo della ricerca, il Ministero della Scienza e l'Innovazione, e la Generalitat de Catalunya (Governo della Catalogna).