A Ispica Odi alle Dodici Terre

Presentata ad Ispica, al Palazzo Mercato, l’ultima opera poetica, bilingue, di Domenico Pisana, pubblicata dall’Editore Armando Siciliano, dal titolo “Odi alle dodici terre" e con un sottotitolo: "Il vento, a corde, dagli Iblei", tratto da una poesia di Quasimodo.

In apertura dell’evento, dopo il saluto istituzionale del sindaco di Ispica, Pierenzo Muraglie, Corrado Monaca ha letto al pubblico intervenuto una Lettera, pervenuta per l’occasione da parte della Prof.ssa Neria Di Giovanni, Presidente dell’Associazione Internazionale de Critici letterari, la quale ha dato il patrocinio all’iniziativa unitamente ad altre realtà culturali ispicesi, fra le quali il gruppo ispicese del Caffè Quasimodo, la Fidapa, l’Associazione culturale le Muse, la Società ispicese di Storia Patria, l’associazione Vespa Club e l’associazione Colle della Calandra.

“ L’Associazione Internazionale dei Critici letterari – scrive la prof.ssa Di Giovanni nella sua missiva - ha concesso con convinzione il suo patrocinio alla presentazione del libro del critico letterario Domenico Pisana “Odi alle dodici terre” sia per il valore del dettato poetico sia per la sua intrinseca motivazione. Infatti da diversi anni l’AICL è impegnata in molti Paesi europei ed extraeuropei a valorizzare i diversi territori attraverso le opere degli scrittori. Siamo convinti – prosegue Di Giovanni - che i cosiddetti beni immateriali dell’umanità, primo fra tutti la letteratura, ma anche l’ambiente, le tradizioni popolari, i prodotti enogastronomici, le usanze, i miti e le credenze locali, siano una ricchezza che ci preserverà dalla globalizzazione selvaggia, per invece esaltare le peculiarità di ogni territorio.

Inoltre noi come AICL siamo attivi nella difesa di tutte le lingue e nella necessità di una comunicazione multilinguistica per la fruizione più ampia di opere e di saperi.Così il libro di Domenico Pisana, pubblicato in due lingue, si sposa perfettamente con il nostro operato teso a valorizzare e internazionalizzare le ricchezze dei nostri splendidi territori locali. Come non sottolineare l’importanza che una simile operazione venga fatta proprio in poesia, con quel linguaggio cioè esaltato proprio dai poeti e scrittori della Magna Grecia di cui la Sicilia, e la Contea di Modica sono testimonianza nei secoli.

E proprio Salvatore Quasimodo, un cui verso ha dato il sottotitolo al libro di Pisana, è l’indimenticabile autore della traduzione dei lirici greci. Le “dodici terre degli Iblei” grazie ai versi di Domenico Pisana, si inseriscono così nel reticolo ammirevole di operazioni culturali volte a esaltare un percorso che in senso lato definiamo : “paesaggio letterario”, caro all’Unesco ed adesso anche alla Dante Alighieri che si è fatta portavoce dei parchi letterari nazionali. Un altro punto a favore di questo splendido libro di Domenico Pisana – si legge nella missiva - è senz’altro la convergenza con l’arte pittorica, con lo “sposalizio” di forme e contenuti attraverso le 20 opere del maestro Piero Guccione, che impreziosiscono il libro e tutta l’operazione culturale.

Attendendo di conoscere presto il “collega” critico e poeta Domenico Pisana, non ci resta che augurare a questa sua ultima fatica poetica tutto il successo, anche internazionale, che merita”.Alla presentazione, che è stata coordinata dalla prof.ssa Daniela Fava, è intervenuto il prof. Giuseppe Pitrolo, critico letterario e componente del Caffè Letterario “Vitaliano Brancati” di Scicli e l’Editore Armando Siciliano di Messina, nonché il sindaco di Ispica, Giampiero Muraglie, che ha dato il saluto istituzionale. Il Duo musicale “Estrella”, composto dal M° Lino Gatto, alla chitarra, e Ilde Poidomani al canto, ha arricchito la serata con intermezzi musicali, mentre Daniele VOI, Speaker di Radio Mediterraneo, ha letto brani del volume dedicate alla città di Ispica e al comprensorio modicano.