Omicidio-suicidio a Milano: malattia e solitudine

Malattia e solitudine. Sono queste le ragioni legate all’omicidio-suicidio avvenuto a Milano. I protagonisti sono una coppia di anziani, marito e moglie che sono stati trovati morti nel loro appartamento al quinto piano di uno stabile in via Emanuele Filiberto.

In base a una prima ricostruzione l'uomo, che aveva 82 anni, nel pomeriggio avrebbe sparato un paio di colpi di pistola, arma detenuta legalmente, alla donna di 85 anni che soffriva quasi certamente di Alzheimer. Quindi si sarebbe sparato un proiettile alla testa poco sotto la tempia. La polizia ha trovato i coniugi distesi sul letto matrimoniale in camera da letto, per terra la pistola. La casa era in ordine e la porta era chiusa dall' interno. Non sono stati rilevati segni di scasso, né notata la mancanza di oggetti, preziosi o denaro.

Per ora non sono state nemmeno rinvenute lettere o messaggi di addio. Al momento gli investigatori non hanno diffuso il nome dei due anziani perché non hanno ancora potuto rintracciare e avvisare i familiari. (Foto web)