Alimenti, il cervello sceglie dai colori

Il nostro cervello decide quali cibi mangiare dal colore. Secondo uno studio infatti pare che il colore prediletto sia il rosso mentre quello scartato è il verde. A scoprirlo sono stati alcuni neuroscienziati della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste. Nello studio, pubblicato su Scientific Reports, potrebbe avere importanti ricadute sia sul marketing che sulla lotta ai disturbi alimentari e all'obesità. Uno dei ricercatori spiega che il colore è anche un predittore dell’apporto calorico. Pare infatti che quelli di colore verde sono meno calorici rispetto a quelli che tendono al rosso. “Se è rosso – spiega Francesco Foroni, ricercatore della Sissa e autore dello studio - allora “via libera, abbuffati”, se è verde “hmm, no, lascia stare”. In pratica il nostro cervello utilizza un semaforo “al contrario”.

Secondo i ricercatori del centro triestino, si tratta di un meccanismo evolutivo ancestrale risalente agli albori della nostra razza. Lo studio può essere utile non solo per capire i meccanismi “ombra” che spingono una persona a scegliere un tipo di cibo piuttosto che un altro, ma anche in ambito medico per aumentare l’efficacia degli interventi quando si deve affrontare un problema legato al disturbo alimentare.