Navigli, premiato da Mattarella il medico che salvò la bimba

Tra i quaranta italiani premiati dal presidente della Repubblica c’è anche il medico, Stefano D’Amico, che si tuffò nel Naviglio a Milano per salvare una bimba di 7 mesi caduta in bici insieme alla sua mamma. Storie di amore e servizio, uomini e donne che a mani nude combattono contro criminalità e malattia, lottano per legalità e integrazione. Che salvano, curano, consolano, ascoltano, soccorrono. E credono in una parola vetusta e desueta: "sacrificio". Cavalieri, ufficiali, commendatori: Mattarella ne ha premiato l'eroismo quotidiano con titoli solenni, come lo scorso anno aveva fatto con altri italiani coraggiosi e buoni.

Tra loro il medico milanese D'Amico che nell'agosto scorso salvò la bimba che stava annegando legata al seggiolino della bici. Si immerse nell'acqua prese la bimba e per 30 minuti si prodigò nelle manovre rianimatorie fino all'arrivo dell'ambulanza.