Il Modica calcio nel ricordo di Alessio Iabichella

Tanta fatica e tanta voglia di vincere nel ricordo di Alessio Iabichella ricordato con una maglia a lui dedicata all’ingresso in campo delle due squadre ha permesso al Modica di battere all’ultimo respiro un Pachino duro a morire ma votato soprattutto a difendersi. La formazione di Francesco Spatola deve ringraziare il portiere Infanti se è uscita dal “Vincenzo Barone” con un solo gol sul groppone. Il guardiapali ospite, infatti, si è reso protagonista di almeno quattro interventi che hanno del miracoloso, anche se a onor del vero la sua prova è stata macchiata dalla “papera” in occasione del gol dell’ex Pitino.

La sfida d’alta classifica del “Barone” è stata giocata in un clima surreale e davanti a una discreta cornice di pubblico tra cui il gruppo organizzato Ultras Modica 1932 tornato a incitare la squadra dopo qualche settimana di pausa. Il Modica parte troppo contratto e il Pachino cerca di gestire le fasi del gioco a centrocampo. Ma messa alle spalle la tensione i rossoblù iniziano a macinare gioco e al 14’ vanno vicinissimi al vantaggio. Da una rimessa laterale di lunga gittata di Caccamo, la sfera arriva in area, dove Paolino anticipa tutti, ma il suo colpo di testa finisce di poco alto sulla traversa. Al 24’ occasionissima per i padroni di casa. Iurato ruba palla a centrocampo e verticalizza immediatamente per Occhipinti che si presenta solo davanti al portiere bravo a chiudergli lo specchio di porta in uscita bassa. Al 30’ punizione che Limone con lo sguardo accompagna fuori dalla sua porta con la sfera che lambisce il sette alla sua sinistra. Per il resto della frazione non succede più nulla con le squadre che vanno al riposo a reti bianche.

Il secondo tempo è un monologo rossoblù e una sfida aperta tra gli attaccanti di casa e Infanti. Al 8’ Sabellini in proiezione offensiva entra in area e tira in diagonale , ma il suo rasoterra è parato da Infanti che si allunga e blocca. Al 24’ l’unica azione d’attacco ospite con Malandrino che in contropiede arriva al limite e tira in diagonale con sfera che sfiora il palo e finisce sul fondo. Al 33’ il nuovo entrato Sella (per lui esordio stagionale dopo il lungo infortunio) ci prova dalla distanza, ma Infanti vola in tuffo e toglie la sfera dal sette alla sua destra mandando in corner. Al 41’ Livia subentrato a Iurato ci prova in semirovesciata, ma Infanti è attento e blocca in tuffo. 1’ dopo ci prova Occhipinti su punizione ma è ancora Infanti che in tuffo plastico respinge sui piedi di Noukri, ma l’arbitro (mediocre la sua prova) ferma tutto per un fuorigioco alquanto dubbio. Al 45’ arriva il meritato vantaggio. Sella batte un calcio di punizione dalla destra pennellando un traversone in area per Pitino che stacca di testa e con la complicità del portiere depone in rete facendo esplodere di gioia il “Vincenzo Barone”. Dopo 6’ di recupero arriva il triplice fischio del direttore di gara con i “tigrotti” che vanno a far festa inneggiando lo sfortunato Alessio Iabichella al quale hanno dedicato il successo.