Biocarburanti, Oxam a Ue: occorre una legislazione

Rivedere la politica sui biocarburanti. Occorre una legislazione che ad oggi consente alle grandi corporation una produzione fondata essenzialmente su combustibili derivanti da colture ad uso alimentare, su una scarsa attenzione per l'impatto sull'ambiente e sull'espropriazione di terra ai danni di migliaia di piccoli contadini". E' la richiesta lanciata da Oxfam all’Unione Europea dopo il nuovo report "Terra che brucia, clima che cambia: come l'industria condiziona la politica europea sui biocarburanti" .
Il report analizza - spiega Oxfam - "l'impatto devastante di questa politica in tre continenti, riportando casi emblematici di intere comunità private dei propri diritti e rimaste vittime dell'esproprio di terre abitate per generazioni in Tanzania, Perù e Indonesia".

Per questo motivo Oxfam lancia "un appello urgente affinché l'Unione europea presenti entro un mese un piano di riforma della legislazione che consente l'utilizzo di biocarburanti ottenuti da colture alimentari e energetiche, sottratte alla produzione di cibo nei paesi poveri". "Le decisioni volte a diversificare le fonti energetiche e a tagliare i combustibili fossili, sono spesso prese dai paesi dell'Unione europea senza attente valutazioni sulla sostenibilità sociale e ambientale delle fonti alternative utilizzate - dichiara Elisa Bacciotti, direttrice delle campagne di Oxfam Italia - In tal modo l'Ue si fa responsabile, direttamente o indirettamente, di espropri di terre determinando povertà e fame nei paesi più vulnerabili".

Secondo Oxfam, "La lobby dei produttori europei di biocarburanti, da sola, è adesso finanziariamente potente quanto la lobby del tabacco e impiega 121 lobbisti per difendere i propri interessi. Ciò significa che, per ogni funzionario che lavora alla nuova politica sulla sostenibilità delle bioenergie della Commissione europea, l'industria ha sette lobbisti che lavorano per indebolirla".