Vittoria, picchia la convivente incinta: arrestato

Lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. E' con questa accusa che i carabinieri della Compagnia di Vittoria hanno arrestato un 40enne, vittoriese, con precedenti penali, per aver maltrattato la propria convivente. La situazione era divenuta insostenibile ormai da diverso tempo tra i due conviventi: le difficoltà economiche, avute nell’ultimo periodo, avevano acuito ancor di più i loro contrasti. E nemmeno la gravidanza della 39enne, arrivata tre mesi fa, aveva sopito quei litigi che, nel tempo, erano divenuti sempre più frequenti. Fino a ieri quando, nella tarda serata, l’escalation di violenza ha raggiunto il culmine: l’uomo accecato dalla rabbia, durante l’ennesimo alterco, inizia a percuotere e ad insultare la donna, noncurante del fatto che fosse in stato di gravidanza al terzo mese. Questa riesce a divincolarsi e scende per strada chiedendo aiuto.

Momenti di terrore e urla che hanno attirato l’attenzione dei vicini che hanno allertato il 112. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile giunti immediatamente sul posto e, presa contezza della situazione, hanno soccorso la donna, chiedendo l’immediato intervento del 118. Nel frattempo, individuato il convivente, lo hanno bloccato e lo hanno tratto in arresto. Condotto nella caserma di via Giuseppe Garibaldi ed espletate le formalità di rito, l’uomo, già con diversi precedenti penali, è stato sottoposto alla detenzione domiciliare nella propria abitazione, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica, dottor Marco Rota, dinanzi al quale dovrà rispondere dei reati di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. Alla donna invece, dopo essere stata visitata presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Guzzardi, sono state riscontrate escoriazioni e trauma all’addome, giudicati guaribili in otto giorni. Sulla vicenda ora resta l’attenzione degli inquirenti, che stanno proseguendo l’attività investigativa per meglio lumeggiare l’intera vicenda. (Foto web)