Conversazione tra delfini registrata nel mar Nero

I delfini conversano come gli umani. Lo rivelano alcuni ricercatori dell'Università di San Pietroburgo. Gli studiosi nella Karadag Nature Reserve, di Feodosia (Crimea), hanno sviluppato un microfono subacqueo con cui è possibile distinguere le diverse voci degli animali. E tramite questo strumento hanno registrato la conversazione di due delfini dal naso a bottiglia del Mar Nero, denominati Yasha e Yana. La ricerca è stata pubblicata nella rivista del Politecnico universitario di San Pietroburgo, Physics and Mathematics. Non è la prima volta che i ricercatori sostengono che i mammiferi sono dotati di un linguaggio avanzato e particolare, fatto di fischi e articolazioni schioccanti distinte, con cui comunicare ed esprimere rabbia, felicità o stress. Emozioni e stati d'animo insomma. Adesso, però, ne avrebbero la prova.

Secondo i ricercatori che hanno analizzato la conversazione tra i due delfini, infatti, insiemi di fischi e articolazioni schioccanti formano le loro parole che, a loro volta, formano frasi. Inoltre, pare che entrambi aspettassero il loro turno per "parlare", senza interrompere l'altro. Gli studiosi parlano di un linguaggio avanzato e con una modalità molto simile a quella umana, il che vorrebbe dire che i delfini sono consapevoli dell'atto linguistico. Analizzando i dati, gli scienziati hanno identificato frasi da 4 o 5 parole, ma non ne hanno ancora compreso il significato. Secondo il dottor Ryabov, è importante che gli umani continuino a costruire gli strumenti adatti per poter interagire con i delfini.