Sicilia, Giunta approva stato di calamità per Avimecc Modica

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, comunica che la Giunta regionale ha approvato, su proposta del vicepresidente Mariella Lo Bello, la dichiarazione dello stato di calamità per il territorio di Modica, causato dall'incendio dello stabilimento Avimecc. La dichiarazione dello stato di calamità deriva dalle criticità igienico-sanitarie e dalla necessità di ripristinare le condizioni necessarie per la ripresa dell'attività produttiva che coinvolge circa 500 lavoratori. La notizia arriva dopo il vertice in Prefettura a Ragusa tenutosi ieri mattina.

Durante la conferenza di servizio, richiesta dal sindaco di Modica, Ignazio Abbate, e convocata dal prefetto Maria Carmela Librizzi, alla presenza del viceprefetto aggiunto Massimo Signorelli, dei sindaci di Modica e Pozzallo, dei rappresentanti dell’azienda Avimecc, dell’Ispettorato del lavoro, dei Vigili del Fuoco, del Dipartimento regionale della Protezione Civile, del servizio veterinario Asp, di Confindustria, del Distretto Produttivo Avicolo, si è discusso delle tragiche conseguenze derivate dall'incendio che ha distrutto l'azienda.

Il confronto ha permesso di chiarire tutti gli aspetti tecnici a cui l’azienda Avimecc sta cercando di far fronte attivando soluzioni d’emergenza che già hanno permesso di effettuare delle prime consegne sul mercato di riferimento ma che tuttavia non sono risolutive della problematica considerato che vi è la necessità di procedere alla macellazione, nel pieno rispetto degli standard qualitativi, di tutti i capi attualmente presenti negli allevamenti. Attualmente si sta operando su un impianto sottodimensionato. Gli imprenditori Michele e Luca Leocata hanno evidenziato la propria volontà a proseguire nell’attività imprenditoriale qualora si ottengano contestualmente precise garanzie da parte di Stato e Regione per attivare provvedimenti straordinari a supporto degli interventi al momento realizzati in emergenza.