Guardami Guardami a Caucana

Successo per la performance della compagnia milazzese “Dietro le quinte” esibitasi per la prima volta al festival regionale del teatro comico. E’ stato vissuto all’insegna della spensieratezza e della risata l’ultimo appuntamento, tenutosi ieri sera, come sempre nella splendida cornice del circolo velico di Caucana, della kermesse promossa dall’associazione culturale “Palco uno” con la direzione artistica di Maurizio Nicastro. Con la regia di David Amalfa, è stata portata in scena la pièce “Guardami guardami”, commedia in due atti di Bruno Tabacchini e Biagio Izzo. Brillante l’interpretazione dell’intero gruppo nonostante sia stato necessario predisporre la scenografia in veranda per evitare problemi di sorta legati all’eventuale aggravarsi delle condizioni atmosferiche.

Tutto, però, è filato liscio e gli attori mamertini hanno messo in campo il meglio del proprio repertorio, dimostrando di potersi candidare, a buon diritto, a ricevere uno dei premi che saranno assegnati dalla giuria. Quest’ultima vede come presidente l’attore Marcello Perracchio mentre, ieri sera, a coprire il ruolo di “giudice a latere” c’era Mimì Scalia, altro personaggio di spicco del teatro siciliano, da sempre vicina alle iniziative promosse dalla Palco Uno, che ha espresso il proprio apprezzamento per l’elevata qualità della rappresentazione. “Ora – sottolinea Nicastro – toccherà alla giuria espletare i propri compiti. Quindi, tra qualche giorno sapremo chi ha vinto il festival e lo proclameremo nel corso della serata finale che sarà programmata agli inizi di settembre.

E’ stata una edizione, quella che ci siamo appena lasciati alle spalle, ricca di stimoli e spunti, in grado di mettere in luce come e quanto sia variegato il panorama delle compagnie di teatro comico in Sicilia. Abbiamo fatto il possibile per esaltarne le caratteristiche e le doti. Dobbiamo, inoltre, ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato per la piena riuscita di questa manifestazione che, ogni anno, riserva delle sorprese molto piacevoli”. Ieri sera, in particolare, è stata portata in scena un’entusiasmante farsa dell’amore, una pièce ispirata alla “commedia degli equivoci” - condita con un espediente molto particolare - e dedicata all’analisi della diversa visione dell’amore che hanno i due sessi. La vita coniugale di una giovane coppia ha fatto da sfondo alla storia dove i protagonisti sono stati un lui e una lei in un continuo rincorrersi all’insegna di sotterfugi, scuse e arguzie per aggirare la gelosia, celare i tradimenti e assicurare una parvenza di armonia al rapporto. Un gioco che si ripete da sempre ma che trova nuovi spunti di fronte a una società in continua trasformazione. E’ stata una commedia tutta da ridere, con uomini e donne, polarità opposte ma complementari, alla ricerca perenne di una dimensione dove si possano incontrare.