Vittoria, si scaglia contro sindaco durante colloquio: arrestato

Ieri mattina, nel corso delle quotidiane attività di ricevimento del pubblico e di front office che si svolgono presso la segreteria del sindaco a Palazzo Iacono, si è registrato un grave episodio che ha richiesto l'intervento delle forze dell'ordine. Quotidianamente il sindaco riceve, in base alle richieste di appuntamento inoltrate alla propria segreteria e a un calendario cadenzato, i cittadini che intendono interloquire con le istituzioni sin dai primi giorni del suo insediamento.

Ieri mattina, al termine di uno dei diversi colloqui effettuati, un uomo ha dato immotivatamente in escandescenze e si è scagliato verbalmente contro il primo cittadino. Inoltre ha danneggiato una statua che si trova a Palazzo Iacono scagliandola violentemente per terra e danneggiando altresì la pavimentazione. Si è così reso necessario l'intervento della polizia municipale e della polizia di Stato per placare l'uomo.
Sono intervenuti due agenti della polizia municipale che, coadiuvati dagli uomini del commissariato di Vittoria - retto dal vicequestore Rosario Amarù - hanno eseguito l’arresto dell’uomo. Uno dei agenti della polizia municipale intervenuti, dopo essere stato visitato in ospedale, ha riportato dieci giorni di prognosi.

L'uomo è un 43enne originario di Niscemi e residente a Vittoria e già noto alle forze dell'ordine ed è stato arrestato con l'accusa di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e denunciato per danneggiamento aggravato ai sensi dell'articolo 635 comma 2. “Sin dal nostro insediamento – ha spiegato il sindaco – abbiamo affermato di voler governare un Palazzo di vetro, trasparente e aperto ai cittadini. In poco più di due mesi ho incontrato, così come gli assessori della giunta, centinaia di cittadini affrontando il grande disagio economico e sociale che si respira in città e che fronteggiamo con i mezzi a nostra disposizione, non sempre adeguati. Nonostante l'episodio odierno continueremo il dialogo con i cittadini e anzi intensificheremo i controlli a garanzia di tutti i cittadini onesti che intendono confrontarsi con l'amministrazione. Sia chiaro che non sono ammissibili né tollerabili atteggiamenti violenti o ricattatori da parte di nessuno e queste condotte verranno perseguite e punite con fermezza”.
“Per garantire maggiore e ulteriore sicurezza – ha aggiunto il comandante della polizia municipale Cosimo Costa – abbiamo predisposto un rafforzamento dei controlli all'ingresso di Palazzo Iacono a tutela delle istituzioni e dei cittadini stessi consci dell'importanza di un dialogo sereno e proficuo con l'amministrazione”.