Ragusa, incentivi imprenditoriali: stanziati 107 milioni

Il ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact), nell'ambito del Pon "Cultura e Sviluppo" Fers 2014-2020, ha stanziato 107 milioni di euro per incentivi allo sviluppo del sistema imprenditoriale della filiera culturale nelle regioni Calabria, Basilicata, Campania, Sicilia e Puglia. L’obiettivo è quello di creare un nuovo sistema di incentivi destinato a sostenere la creazione e lo sviluppo di piccole e medie imprese nel settore dell’industria culturale-turistica e in grado di migliorare la fruizione dell’offerta culturale esistente. Le agevolazioni hanno anche l’obiettivo di supportare le imprese no profit che vogliono valorizzare le risorse culturali dei territori interessati.

“Vorremmo capire – scrivono i consiglieri comunali del Pd, Mario D’Asta e Mario Chiavola, in una interrogazione presentata al sindaco e al presidente del civico consesso – se l’Amministrazione comunale crede in questa iniziativa e se pensa di investire energie e soldi per fare in modo che i nostri operatori ne vengano a conoscenza. Non bisogna assolutamente sprecare questa grande opportunità che, derivante dall’Ue e dal Mibact, punta a potenziare sempre di più le nostre peculiarità economiche per crearne di nuove, per favorire l’attivazione di nuovi posti di lavoro, per garantire ricchezza e indotto economico, allo scopo di rendere la nostra città più forte, bella e innovativa”. Queste le voci previste nelle linee di intervento e per cui è possibile impegnare le dotazioni finanziarie: creazione di nuove imprese dell’industria culturale e creativa che promuovano l’innovazione, lo sviluppo tecnologico e la creatività a cui sono destinati 41,7 milioni; sviluppo delle imprese dell’industria culturale, turistica e manifatturiera a cui sono destinati 37,8 milioni; sostegno alle imprese del terzo settore attive nell’industria culturale turistica e manifatturiera a cui sono destinati 27,4 milioni. E’ prevista una dotazione finanziaria aggiuntiva di 7 milioni di euro da ridistribuire proporzionalmente sui tre filoni.

“Chiaramente – proseguono i due consiglieri Dem – per quanto concerne le spese ammissibili, le attività ammesse e finanziabili, di importo non superiore ai 400mila euro, tutte le indicazioni sono contenute nei bandi. Per questo sollecitiamo l’Amministrazione comunale a svolgere attività di sensibilizzazione tra gli operatori potenzialmente interessati chiarendo quali gli aspetti per i quali è possibile ricevere il finanziamento. Sarebbe, ad esempio, opportuno che la Giunta si adoperasse per invitare in città alcuni rappresentanti di Crea Cultura – Invitalia allo scopo di promuovere i bandi con un evento pubblico. E’ una importante occasione che il Comune di Ragusa non può lasciarsi sfuggire”.