La dieta iperproteica non fa dimagrire? Lo studio

La dieta iperproteica a medio termine può anche fare ingrassare. Lo dice l'esito di uno studio sperimentale, i cui risultati sono appena stati pubblicati su Cell Reports, di Luigi Fontana, professore di medicina e nutrizione all’università di Brescia e alla Washington University a St.Louis. I dati raccolti dai ricercatori sono stati esaminati al congresso sulle linee guida in alimentazione della Lorenzini Foundation, che si è svolto a Venezia, alla Fondazione Cini.

I ricercatori sostengono che la dieta iperproteica, ricca di proteine, induce una lieve perdita di peso nei primi 6 mesi ma a 12 o 24 mesi il vantaggio si perde. Il meccanismo che da vita a questo cambiamento sono gli amminoacidi ramificati o essenziali, che sono i “mattoncini” delle proteine, che non vengono prodotti dal nostro corpo ma devono essere assunti con il cibo. E si trovano nei prodotti animali, soprattutto il latte. Per capirci sono quelli che prendono i culturisti sotto forma di integratori, o aumentando a dismisura la quantità di carne nella dieta, per far crescere la massa muscolare in fase di allenamento. Il problema è che stimolando con un numero maggiore di calorie o di amminoacidi ramificati o solforati il nostro organismo si accelerano i processi di invecchiamento e di genesi dei tumori. Chi riduce il consumo di proteine nella dieta migliora il controllo glicemico e diminuisce la possibilità di ammalarsi di diabete.