Sagra dei sapori chiaramontani

Da un record all’altro. Perché la genuinità paga sempre. E, alla fine, i numeri danno ragione. Suscitando l’entusiasmo degli organizzatori. Nella fase conclusiva della serata, è bastato tirare due conti per capire che l’impresa era stata compiuta. Mai prima d’ora un simile afflusso per la “Sagra dei sapori chiaramontani” promossa dall’associazione Villaggio Gulfi con il sostegno dell’Amministrazione comunale di Chiaramonte. Tremilaseicento, ieri sera, i ticket staccati, oltre 5.700 le presenze. Un incremento stimato in oltre il quindici per cento rispetto allo scorso anno. Gustosi gli alimenti che erano stati predisposti in abbondante quantità, molto di più rispetto alla precedente edizione, per fare fronte a quello che si preannunciava un arrivo consistente di consumatori. E infatti tutto è andato esaurito. Finiti i duecentosessanta chili di salsiccia, così come le decine e decine casse di peperoni e i duecentocinquanta litri di vino. Ultimati pure i millecinquecento pani caserecci e le cinquanta forme di caciocavallo Dop.

Per non parlare degli spiedini, dell’uva e delle immancabili frittelle. E in più quest’anno c’era la novità dei cannoli siciliani. Il vassoio proposto ha esaltato il gusto dei prodotti locali. Ancora una volta, si è registrato un successo straordinario su tutti i fronti che non fa che confermare come le iniziative promosse con estrema semplicità, ma senza trascurare la qualità e la genuinità, in questo caso quella dei cibi, continuino a fare registrare un’attenzione fuori dalla norma. E in più quest’oggi l’impresa ecologica Busso Sebastiano, che gestisce il servizio di igiene ambientale sul territorio cittadino, ha predisposto un servizio di pulizia straordinaria dell’intera zona per garantire il pieno decoro del sito. Se si pensa che la “Sagra dei sapori chiaramontani” è entrata ormai a fare parte di quelle che, a tutta ragione, si possono considerare tra le iniziative classiche del cartellone estivo di questo lembo provinciale, non foss’altro perché in grado di mobilitare un intero quartiere, quello che sorge alle pendici del centro montano ibleo, si avrà chiara la percezione di quanta strada in avanti sia stata compiuta in questi ultimi anni con una seria pianificazione e programmazione da parte dei componenti dell’associazione “Villaggio Gulfi”.

Tra i presenti anche il procuratore della Repubblica, Carmelo Petralia, oltre al sindaco Vito Fornaro, con alcuni rappresentanti della Giunta municipale. “Siamo noi stessi i primi a stupirci – dicono i componenti dell’associazione – per i numeri che confermano l’ulteriore crescita. Mai, neppure nelle nostre più rosee previsioni, potevamo immaginare un simile afflusso di gente. Siamo ovviamente gratificati ma anche responsabilizzati a fare sempre meglio e sempre di più. Riteniamo che questa edizione della Sagra continui a migliorare quanto di buono avevamo fatto già lo scorso anno. Quella che abbiamo imboccato è la strada ideale. Per il prossimo futuro, cercheremo di impegnarci per una migliore riuscita, anche se sappiamo che, considerati i numeri di quest’anno, sarà tutta in salita. Intanto, però, ringraziamo quanti ci sono stati vicino, dimostrando di avere a cuore soprattutto la qualità dei sapori chiaramontani, un aspetto su cui non derogheremo mai in alcuna circostanza”. Al termine, musica e spettacoli sino alle ore piccole.