Ragusa, nasce la società per la metrosuperficie

Posto un ulteriore tassello per la realizzazione della metropolitana di superficie a Ragusa, con l’avvio della costituzione della Srl che sarà la mano operativa del comitato promotore. Infatti l’appuntamento per la fase costitutiva è stato già fissato per lunedì prossimo presso un notaio di Ragusa. A darne notizia è Franco Cilia, presidente del comitato promotore che ha colto l’occasione per rivolgere un invito ad aderire, oltre che ai cittadini in genere, anche e soprattutto ai capigruppo consiliari e a tutti i consiglieri comunali considerate le potenziali ricadute positive che ci saranno per l’intera città di Ragusa. Ed è lo stesso maestro Cilia a sottolineare come “per la realizzazione dell'opera sono richiesti 18 milioni. Tutto questo ha un costo. E i problemi da superare sono tanti. Ecco perché è parso utile al comitato, con il parere di esperti, creare una Srl con lo scopo di promuovere e sostenere l'iniziativa fino alla gestione dell'opera. L’adesione al comitato è individuale e alcuni aderenti hanno già sottoscritto quote da 100 sino a 500 euro nella convinzione di portare avanti un progetto utile per la città, a prescindere se tale individuale e modesto investimento avrà un ritorno economico”. Infine Franco Cilia riassume sinteticamente l’iter che ha portato alla costituzione della Srl, a partire dal convegno sulla metro di superficie tenutosi nella scorsa primavera in città e promosso dal parco commerciale “Isole Iblee”, dal centro commerciale naturale “Antica Ibla”, dal centro studi Feliciano Rossitto e dall'associazione “Insieme in Città” con la presenza dell’ ing. Fabio Maria Ciuffini, autore del progetto originario.

Il comitato che è sorto si tiene in costante collegamento con quest’ultimo nonché con le Ferrovie e con il Comune di Ragusa. L’ente di corso Italia, da parte sua, ha in itinere le procedure per poter partecipare al bando della Presidenza del Consiglio per accedere ai finanziamenti che permetterebbero la realizzazione della metropolitana di superficie del capoluogo. Il bando, emanato con decreto del 25 maggio scorso dal Presidente del Consiglio dei Ministri, è finalizzato “alla riqualificazione urbana e alla sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta”. Pertanto la giunta ha adottato una delibera contenente l’atto di indirizzo con cui si dà mandato al competente dirigente di predisporre la revisione del progetto, inserito nel programma triennale delle opere pubbliche 2015-2017, dell’importo di 17.043.000 euro. Tale progetto è stato anche oggetto di un incontro a Palermo del sindaco Federico Piccitto e del dirigente del Settore programmazione opere pubbliche Michele Scarpulla con i responsabili regionali delle due società ferroviarie, con l’autorevole presenza di Ciuffini. Infine è sempre lo stesso presidente Cilia ad illustrare il tracciato dell’importante opera di mobilità alternativa e sostenibile, “l’infrastruttura avrà una decina di fermate: stazione di Ibla, Carmine (che collegherà Ragusa superiore al quartiere San Paolo a Ibla), ospedale Arezzo, via Alfieri (ex campo Boario), stazione centrale, viale Colaianni, le Masserie, zona industriale, ospedale Puntarazzi, Donnafugata. Insomma, una infrastruttura che collegherà oltre metà della città e offrirà al turista uno strumento utile e suggestivo per visitare Ragusa”. (da.di.) (Foto web)