Gioco d'azzardo patologico: in Lazio "Non lasciarlo perdere"

Una campagna di comunicazione sociale contro il gioco d'azzardo patologico 'Non lasciarlo perdere', che sarà diffusa prevalentemente sui social, on line, ma anche sui mezzi pubblici della Capitale. E' quella presentarta dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti in sieme con l'assessore alle Politiche Sociali, Rita Visini, ieri mattina nella sede del Ceis a Roma. 

Sarà presto distribuito anche 'Slot free-rl' un marchio regionale, rilasciato dalla Regione Lazio agli esercenti di esercizi commerciali, ai gestori dei circoli privati e di altri luoghi deputati all'intrattenimento, che non hanno nel proprio esercizio le apparecchiature per il gioco d'azzardo. La giunta Zingaretti ha finanziato con 1 milione di euro, attraverso la legge 5 del 2013, la costruzione della Rete regionale degli sportelli 'No Slot', con l'apertura dei punti di ascolto e accoglienza rivolti alle vittime del gioco compulsivo.
Sul sito regione.lazio.it/stopazzardo è possibile geolocalizzare tutti gli sportelli.