Catania, CTA Major tra sport e teatro

Hanno vinto il Campionato Provinciale di Calcio a cinque disabili intellettivo - relazionali organizzato dal CSI (Centro Sportivo Italiano) e adesso guardano alla fase nazionale alla quale hanno avuto accesso mettendo a segno goal su goal. Sono gli otto ospiti della CTA Major di Mascalucia che dallo scorso 15 marzo hanno iniziato questa avventura con il pallone che li porterà, il prossimo otto luglio a Montecatini Terme per giocare nel girone nazionale dei Campionati Sport di Squadra Categoria Open e Atleti con disabilità.
Dieci partite, dieci vittorie sul campo del centro catanese di riabilitazione Villa Angela. Hanno un’età compresa tra i quaranta e i ventisei anni e giocando hanno scoperto di essere squadra, insieme al personale di CTA Major che li ha seguiti in ogni fase, dall’allenamento, alla gestione delle partite, al tifo che non è mai mancato a bordo campo, fino all’esultanza della vittoria finale che ha fatto loro staccare il biglietto per Montecatini.
Si tratta di un altro traguardo raggiunto dalla CTA Major che, già da anni, ha deciso di investire sulla socializzazione dei suoi ospiti, facendosi spesso carico (come in questo caso), delle spese a supporto di attività extra, che però hanno permesso ai giovani atleti di scoprire che l’attività fisica fa bene al corpo ma anche allo spirito. Come spiegano i medici della struttura “l’attività fisica aiuta a migliorare la propria idea di sé e favorisce l’allontanamento dei pensieri negativi, lasciando il posto al buon umore”. Per alcuni di loro questo sarà il primo viaggio fuori dai confini siciliani, il primo viaggio in aereo e l’eccitazione in questi giorni è palpabile, per un’opportunità che CTA Major non ha voluto fare perdere loro.
Ma le attività di Cta Major non riguardano solo lo sport, il prossimo 23 giugno infatti, alle 17, alla Sala De Curtis di via Duca degli Abruzzi 6 A, a Catania, va in scena VariaMente, uno spettacolo che vede coinvolti alcuni pazienti psichici della struttura che si sono trasformati in allievi di una scuola di teatro prima e in veri attori poi, imparando a recitare, a parlare davanti a un pubblico, a muoversi sul palcoscenico, uscendo per alcune ore dalla routine delle terapie e della vita di tutti i giorni, attori che adesso sono pronti a mettere in pratica gli insegnamenti, per un pomeriggio all’insegna dell’allegria e della professionalità. Anche questo è da considerarsi un lavoro che è stato esso stesso terapia, condotto sempre con il supporto del personale della CTA Major che li ha seguiti da vicino durante le prove, li ha accompagnati, è salito a sua volta sul palco, ottenendo un risultato straordinario: i pazienti hanno imparato a socializzare, ma hanno acquisito anche la consapevolezza del proprio io, della propria corporeità attraverso un processo che ha risvegliato la loro creatività superando limiti e pregiudizi, raccontando parti di sé in modo spontaneo e originale, ma allo stesso tempo hanno attivato comportamenti socialmente competenti, che possono essere utilizzati nella sfera lavorativa.
Sport e Teatro dunque, per l’inizio dell’estate della CTA Major, in attesa, naturalmente, di andare anche al mare per rilassarsi dalle “fatiche”.