Sicilia, spedizione in canoa Caravanserai

Ha preso il via il 21 giugno da Stromboli la nuova avventura "Caravanserai" per i 4 canoisti dell'Associazione romana Tulku: Gianni Montagner, Betty Bassanelli, Alfredo Capobianco e Marco Pompei. La Glencora (un Nelson 46), la barca di appoggio, coadiuverà tutte le operazioni di cambio canoa, di riposo e rifocillamento degli atleti, guidata dal comandante Paolo D'Antuono. Fabio Campanella coordina tutta l'organizzazione della traversata.
La nuova avventura si chiama Caravanserai ed è la continuazione ideale del Tour 2015, che con partenza da Ostia, si concludeva a Stromboli.
Quest’anno il Tour con partenza da Stromboli si concluderà Lampione percorrendo tutte e 15 le isole della Sicilia. Questa le date previste di arrivo in ogni isola: 
Stromboli: partenza 21 giugno
Panarea: 21 giugno
Vulcano: 21 giugno
Lipari: 22 giugno
Salina: 22 giugno
Filicudi: 23 giugno
Alicudi: 23 giugno
Ustica: 24 e 25 giugno
Levanzo: 26 e 27 giugno
Favignana: 28 giugno
Marettimo: 28 giugno
Pantelleria: 29 e 30 giugno
Linosa: 1 e 2 luglio
Lampedusa: 3 luglio
Lampione: 4 luglio

Un viaggio tra antico e moderno, dal Neolitico ad oggi, ripercorrendo le antiche rotte che l’uomo, da quando cominciò ad essere un navigante, fece per esplorare, conoscere ed abitare le isole lontane dalla costa. Scopo del viaggio è condividere l’animo dei primi naviganti che raggiungevano queste isole con i primi mezzi a loro disposizione: piroghe e pagaie.
Ad ogni tappa è associata la visita dei luoghi simbolo di ogni isola: i villaggi preistorici ancora conservati a Panarea, il museo archeologico e vulcanologico a Lipari, il museo di Ustica, la grotta del Genovese a Levanzo, le case romane e il museo del mare a Marettimo.
Un percorso di 700km tra archeologia, vulcanologia e cultura nonchè di navigazione denominato Caravanserai per ricordare i luoghi di sosta delle Carovane del deserto.
“Unendo le 15 isole con un tratto abbiamo immaginato una costellazione di 15 stelle/isole in quell’apparente deserto che a volte può sembrare il mare. Ma come le stelle in cielo, che l’uomo ha sempre osservato per poter navigare, confidiamo nella nostra nuova costellazione del Caravanserai al fine di unire tutte le isole della Sicilia ripercorrendo un viaggio nel tempo”. Così Gianni Montagner dichiara prima della partenza ai microfoni de “La mia Ostia”, la pagina Facebook (https://www.facebook.com/LaMiaOstia/) che seguirà tutto il loro viaggio con aggiornamenti in tempo reale, foto e video grazie alla presenza di Fabio Campanella sulla barca di appoggio.