Ragusa Comune assicura interventi contro abbandono cani

Non si è fatta attendere la risposta del Comune di Ragusa all’emergenza randagismo, approdata anche in aula consiliare su iniziativa del consigliere Gianluca Morando e ripresa dalla stampa locale. L’assessore al ramo, Nella Disca infatti ammette che il rifugio sanitario comunale versa in uno stato di sovraffollamento a causa degli abbandoni di cuccioli che aumentano con l’approssimarsi della stagione estiva. La Disca riporta i dati forniti dal competente ufficio comunale che parlano dell’afflusso di “un alto numero di cuccioli, ben 49 al di sotto dei sette mesi di vita, di cui 19 al di sotto dei 2 mesi, oltre a 6 cuccioli del Comune di Chiaramonte Gulfi e 10 gatti”. Eppure, sottolinea l’assessore alla tutela degli animali, “solo negli ultimi due mesi sono stati trasferiti diversi cani al canile rifugio per far posto a nuovi ingressi, sono stati dati in adozione 10 cani, reimmessi in maniera controllata nel territorio 5 cani e 10 gatti e sono stati trasferiti 11 cani in altre strutture per relative adozioni”. Un’attività, conclude Nella Disca, “che prosegue in maniera costante, con l’ausilio dell’ASP e delle associazioni di volontariato” e coglie l’occasione per “rammentare ai cittadini che abbandonare gli animali è un reato grave previsto dall'art. 727 del codice penale, un gesto incivile e detestabile punibile con l’arresto fino ad 1 anno o con un’ammenda da 1000 a 10.000 euro. Abbiamo già da tempo avviato controlli per prevenire il fenomeno, anche con l’ausilio di telecamere”. (da.di.)