Modica approva il Bilancio di Previsione 2015

Approvato dal Consiglio comunale, dopo otto ore di dibattito, il Bilancio di Previsione 2015 e il Piano triennale delle opere pubbliche 2015/2017. A relazionare sul programma delle opere pubbliche, attraverso la visione di alcune slide, è stato il vice sindaco Giorgio Linguanti. “Le opere da realizzare - ha spiegato Linguanti - nel triennio 2015/2017 sono 161 e di queste 36 nel 2015, 52 nel 2016 e 28 opere nel 2017. Solo nel 2015 i finanziamenti ammontano a 37 milioni e di questi 9 milioni e 500 mila euro circa già finanziati mentre i restanti 28 milioni sono ancora da finanziare. Previste per il 2016 opere per 77 milioni mentre per il 2017 se ne prevedono 65 milioni per un totale nel triennio pari a 180 milioni di euro. Il dibattito si poi è incentrato sulla questione sollevata, nella scorsa seduta di Consiglio, dal vice presidente Michele Polino, che aveva chiesto le dimissioni del vice sindaco Linguanti per incompatibilità legati alla sua professione. A ritornare sull’argomento in difesa di Linguanti è stato il consigliere comunale Giorgio Falco. Quest’ultimo ha ricordato l’esistenza di una dichiarazione, protocollata il 6 settembre 2013, con il quale il vice sindaco rinuncia all’incarico contestato. Poi ha chiesto le dimissioni del vice presidente, Michele Polino. Una tesi, quella dell’esistenza di una dichiarazione di rinuncia, smentita da Polino. “Nessuna dichiarazione di rinuncia è stata depositata – ha detto Polino -ma risulta solo l’esistenza di una lettera con la quale rinuncia agli incarichi sino a quando ricoprirà la carica di vice sindaco”. A smorzare il dibattito l’intervento del consigliere Vito D’Antona. “L’argomento introdotto da Falco – ha detto D’Antona – ci fa ritardare la discussione sui piani finanziari. La questione rimane aperta e sarà argomentata nelle sedi di competenza. Quando si solleva una presunta incompatibilità non è indirizzata dalla persona ma è un fatto giuridico”. Dello stesso parere di D’Antona il sindaco Ignazio Abbate. “Si tratta di un argomento di carattere amministrativo. Invito - ha detto Abbate - gli uffici di presidenza ad inviare la registrazione della seduta relativa a questa questione alla magistratura per le valutazioni del caso”. Poi si procede con l’approvazione del Piano Triennale che passa con quindici voti favorevoli e sei astenuti. Infine una lunga relazione sul Bilancio di Previsione 2015, da parte dell’assessore Enzo Giannone, che viene approvato con tredici voti favorevoli e cinque astenuti.