Scicli, brucia auto della Polizia municipale: identificato e denunciato

Individuato dai carabinieri, grazie alle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza, l'uomo che la scorsa notte, intorno alle ore 4, ha incendiato alcune auto della Polizia municipale posteggiate nell'autoparco comunale di corso Mazzini a Scicli. Si tratta del 40enne sciclitano Gianluca Agolino, pregiudicato, lo stesso che nei mesi scorsi aveva dato fuoco ad un'auto in servizio dei carabinieri di Scicli con i militari a bordo. Le indagini dei carabinieri della Tenenza di Scicli e del del Nucleo Radiomobile di Modica intervenuti sul posto nella nottata assieme ai vigili del fuoco hanno subito seguito la pista dell'incendio doloso, confermata poi dalle immagini delle telecamere che hanno permesso ai militari la ricostruzione dei fatti. In particolare si è visto che un soggetto, dopo aver oltrepassato la recinzione dell’autoparco comunale, ha cosparso del liquido infiammabile su alcune autovetture della Polizia Municipale ed ha appiccato le fiamme dandosi poi alla fuga. I carabinieri sono riusciti ad individuare il responsabile del gesto nel 40enne Agolino che è stato deferito in stato di libertà per il reato di danneggiamento seguito da incendio. Tuttavia, allo stato attuale, il 40enne risulta ancora irreperibile dalla scorsa domenica notte quando si è allontanato dal reparto psichiatria dell’ospedale di Scicli ove si trovava agli arresti domiciliari poiché arrestato dai Carabinieri sabato scorso dopo che era entrato in un esercizio commerciale e, minacciando con un coltello il proprietario, aveva tentato di rapinarlo.
Inoltre, l’uomo, già lo scorso anno, senza alcun motivo, aveva dato fuoco ad un’auto di servizio dei Carabinieri di Scicli con i militari a bordo, in quella circostanza venne subito bloccato ed arrestato. Intanto i militari dell’Arma stanno proseguendo le ricerche del soggetto.